Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Detrazioni nel noleggio a lungo termine: cosa devi sapere

Detrazioni nel noleggio a lungo termine: cosa devi sapere

Detrazioni nel noleggio a lungo termine: cosa devi sapere

Ti hanno parlato del noleggio a lungo termine ma non sei certo che possa essere realmente conveniente per le tue necessità. Se rientri in questo caso, allora è il caso di approfondire la tipologia di detrazioni previste dalla normativa fiscale attraverso la lettura di questo articolo.



Il noleggio a lungo termine, conosciuto anche come full rent, rappresenta una delle alternative più convenienti per le imprese e per i professionisti titolari di partita IVA, in quanto permette sia la deducibilità ai fini IRPEF sia la detrazione per quanto riguarda l'IVA.

Cosa si intende per noleggio a lungo termine?

Il punto di partenza per poter chiarire il concetto di noleggio a lungo termine è dato dalla fonte normativa che nel Codice Civile fornisce la definizione di contratto di locazione. Questo può essere inteso come la possibilità di avere a disposizione un determinato bene, dietro pagamento di un corrispettivo detraibile definito come canone di locazione, il quale deve essere poi ulteriormente suddiviso tra quota capitale e quota interessi. Nel contratto di noleggio a lungo termine, oltre all'aspetto economico assume rilevanza anche la componente relativa all'insieme delle prestazioni accessorie che sono incluse nel contratto come la manuntenzione ordinaria e straordinaria, il pagamento del bollo auto, la copertura assicurativa, il cambio gomme e così via.

I vantaggi fiscali del noleggio a lungo termine?

Abbiamo già accennato al fatto che il noleggio a lungo termine rappresenta un'ottima alternativa rispetto all'acquisto di un'autovettura in quanto evita alle aziende e ai professionisti di privarsi immediatamente della disponibilità di capitale. I beni che possono ottenere delle agevolazioni di natura fiscale sono autovetture, motocicli, autocaravan e ciclomotori così come definiti dal Codice della Strada. 
Per quanto riguarda il regime fiscale di questi mezzi devono essere presi in considerazione due tipi di elementi:

  • la natura e il tipo di automezzo;
  • il valore del canone in quanto quest'ultimo è soggetto a determinati limiti.

Analizziamo ora le diverse casistiche relative ai vantaggi fiscali.

Leggi anche >> Bollo e assicurazione: la soluzione per non pagare

Deducibilità dei canoni di noleggio per titolari di Partita IVA?

La normativa fiscale prevedeva fino a qualche anno fa la possibilità per i professionisti titolari di Partita IVA di portare in deduzione i canoni di noleggio a lungo termine nella misura del 40% del costo sostenuto durante il periodo di imposta; inoltre stabiliva anche dei limiti di valore in base al tipo di automezzo che dal 2013 sono stati notevolmente ridotti. Nello specifico i limiti di deducibilità attualmente in vigore sono i seguenti:

  • € 3615,20 per autovetture e autocaravan, limite che si innalza fino a € 5164,57 se la vettura è utilizzata da agenti di commercio e rappresentanti;
  • € 774,69 per i motocicli;
  • € 413,17 per i ciclomotori.

Nell'ipotesi in cui il contratto di noleggio a lungo termine preveda delle prestazioni accessorie, il canone deducibile deve essere considerato al netto di queste ultime. Ciò non vuol dire che le prestazioni accessorie non possano essere portate in deduzione ma seguiranno le indicazioni specifiche previste dalla normativa così come per qualsiasi altra spesa relativa agli autoveicoli, sia che si tratti persona fisica con partita IVA sia che si tratti di una società. Non a caso nelle fatture relative ai canoni di noleggio "full rent", le voci di costo relative alle spese accessorie sono indicate separatamente. 
Altri limiti che il legislatore ha dato sono quelli relativi alla spesa massima che si può sostenere per l'acquisto di veicoli e motocicli e precisamente:

  • € 18075,99 per autovetture;
  • € 4131,66 per motocicli;
  • € 2065,83 per ciclomotori.

I vantaggi del noleggio a lungo termine per le società?

Per quanto concerne le società, invece, se il noleggio a lungo termine viene effettuato per concedere le auto ai dipendenti ad uso promiscuo, non esistono limiti di deducibilità e la percentuale di deduzione si innalza fino al 90% del costo di competenza dell'esercizio. Bisogna specificare che le due componenti del canone sono soggette ad una deducibilità differente. La parte relativa al canone puro può infatti essere portata in deduzione nei limiti del 20% mentre la parte relativa alle prestazioni accessorie non è invece soggetta a nessun limite di deducibillità. Per quanto riguarda invece l'IRPEF vale sempre il limite del 20% della spesa sostenuta per l'automezzo, autovettura, ciclomotore o motociclo. 

Il trattamento dell'IVA?

Nel momento in cui sarà emessa la fattura relativa al canone di noleggio, sarà ovviamente anche addebitata una componente relativa all'IVA attualmente in vigore. Questo importo potrà essere portato in detrazione nella misura del 40%. Qualora il noleggio a lungo termine sia stipulato con una società estera, la disciplina comunitaria in materia di IVA prevede, in base ad un principio generale, l'assoggettabilità a IVA nel paese del committente se il soggetto al quale è effettuata la prestazione è un soggetto titolare di Partita IVA mentre nel paese del prestatore se persona fisica.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.