-->

Aiuti alle imprese: che cos'è il Temporary Framework

di Redazione

in AZIENDA
Tempo di lettura: 2 min

In questi giorni uno dei temi più discussi relativamente ai problemi economici che dovremo affrontare come conseguenza del lockdown, a cui ha portato il coronavirus, c’è la questione degli aiuti alle imprese. Ma quali sono i reali margini di manovra dei governi europei?

Condividi su

Da più parti monta una profonda insoddisfazione per gli aiuti economici che il Governo ha messo in campo per fronteggiare la pandemia di coronavirus. A prescindere da eventuali giudizi di merito che rischierebbero di confondersi con uno schieramento di carattere ideologico, da cui questo l’attività redazionale di Know How si mantiene distante per un principio di imparzialità, cerchiamo di capire meglio quali sono le reali possibilità di manovra di un governo europeo che deve necessariamente confrontarsi con le indicazioni fornite dalla Commissione Europea.

 

Il Temporary Framework: che cos’è?

In particolare, uno dei riferimenti è il Temporary Framework che la Commissione Europea ha adottato lo scorso 20 marzo. Si tratta di un documento che disciplina proprio le condizioni alle quali gli Stati membri potranno definire le misure di aiuto per le imprese colpite economicamente dall’emergenza coronavirus.

Si tratta di un vero è proprio codice di riferimento che vuole favorire un supporto completo da parte degli Stati membri alle imprese del proprio territorio ma sulla base di una disciplina comune, al fine di evitare situazioni disequilibrate.

 

Il precedente: la crisi del 2009

Non è la prima volta che l’Unione Europea si equipaggia di uno strumento simile, infatti è proprio sul modello del Temporary Framework del 2009 che si basa quello adottato per far fronte all’emergenza Covid-19. Già all’epoca il TF era servito per far fronte alle problematiche delle imprese di fronte alla crisi finanziaria, supportando gli stati con delle norme ad hoc.

 

Le condizioni per gli aiuti di stato

Uno dei punti più rilevanti del Temporary Framework 2020 è sicuramente quello che individua le condizioni che tutti gli Stati Membri dovranno rispettare nel sostenere le imprese in difficoltà:

  1. Regimi di aiuto tramite sovvenzioni dirette (o vantaggi fiscali) sino a 800.000 € per singola impresa;
  2. Garanzie dello Stato sui prestiti bancari;
  3. Prestiti a condizioni agevolate;
  4. Aiuti alle banche da veicolare verso i clienti;
  5. Assicurazioni del credito all’esportazione a breve termine.

Già questo è sufficiente a delineare una direzione molto precisa. Ma non finisce qui.

 

Chi sono i beneficiari?

Il Temporary Framework chiarisce anche quali sono le imprese che possono beneficiare degli aiuti decisi da ciascuno Stato membro, al fine di evitare che si possano creare delle situazioni confuse, alimentate anche dall’emergenza, tale per cui possano ottenere aiuti imprese che vivevano una fase di declino già per altri motivi precedenti all’emergenza. Infatti la Commissione Europea stabilisce inequivocabilmente che possono beneficiare degli aiuti di stati esclusivamente le imprese che sono entrate in difficoltà successivamente alla data del 31 Dicembre 2019.

Leggi anche >>> Supporto economico alle imprese: tutte le azioni del Temporary Framework

 

La durata degli aiuti di Stato secondo il Temporary Framework

La Commissione Europea, inoltre, ha stabilito il Temporary Framework potrà considerarsi valido fino al 31 Dicembre 2020 e che esso non sostituisce altri strumenti già in uso dagli Stati Membri ma vi sia affianca, come ulteriore supporto.

 

Gli effetti sulla concorrenza

Mettere in campo degli aiuti di stato può comportare delle distorsioni nella normale disciplina della concorrenza. Lo sa bene la Commissione Europea che nel definire il Temporary Framework ha stabilito, raramente fatto in passato, che le misure definite per fronteggiare l’emergenza coronavirus sono da considerarsi a priori non lesive della concorrenza.

 

Gli aiuti alle banche

Anche questo tipo di supporto dovrà fare riferimento alla considerazione appena menzionata. Ciò vuol dire che non si potranno considerare come un sostegno finanziario pubblico straordinario, così come previsto dalla Direttiva 2014/59 “BBRD”, per cui non dovrebbero scattare i diversi meccanismi previsti da questa norma, come ad esempio il Bail-In.

 

A quale professionista rivolgersi?

Se vuoi approfondire l’argomento oppure se vuoi capire meglio la tua particolare situazione, rivolgiti ai tanti professionisti che alimentano la community di Know How: è sufficiente scaricare l’app, registrarsi e puoi fare tutte le domande che desideri.

Tag

Covid-19Temporary Framework

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di AZIENDA