Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Tecnico Degustatore di vini DOC e DOCG: l’iscrizione agli elenchi

Tecnico Degustatore di vini DOC e DOCG: l’iscrizione agli elenchi

Tecnico Degustatore di vini DOC e DOCG: l’iscrizione agli elenchi

In un mercato importante come quello del vino DOC e DOCG, è sempre più importante la disponibilità di figure professionali dotate di specifiche competenze. Cosa sono gli elenchi delle Camere di Commercio? Quali sono i requisiti per un Tecnico Degustatore? Perchè sono due gli elenchi?



Il mercato del vino per l’Italia è un settore di grande importanza. Sull’intera penisola sono circa 600.000 gli ettari coltivati ad uva, dei quali circa la metà sono dedicati alla coltivazione di uve per vini DOC o DOCG. Circa 50 milioni sono gli ettolitri prodotti nel 2019. Solo nell’export, il valore del mercato per l’Italia è di oltre 8 miliardi di euro.

Insomma, un mercato importante che necessita sempre più di figure professionali dotate di competenze, che sappiano soddisfare le esigenze di un mercato sempre più competitivo.

Ogni figura coinvolta è fondamentale per il risultato finale. Per questo abbiamo deciso di dedicare un articolo alla figura del Tecnico Degustatore di Vini DOC, visto che su Know How abbiamo sempre una certa attenzione verso le nuove figure professionali.

L’attenzione verso questa nuova figura è dimostrata anche dagli elenchi che le camere di commercio territoriali predispongono per consentire a tutti i professionisti di accreditarsi per le loro competenze.

A cosa servono gli elenchi delle camere di commercio?

Si tratta di elenchi che vengono utilizzati quando vi è la necessita di formare commissioni giudicatrici su questioni che riguardano i vini DOC, DOCG e IGP.

È vero che sono previsti due tipologie di elenchi?

Si, ogni Camera di Commercio solitamente predispone un elenco per i Tecnici Degustatori e uno per gli Esperti Degustatori.

Quali requisiti per iscriversi all’elenco dei Tecnici Degustatori?

È necessario innanzitutto essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • Diploma di perito agrario specializzato in viticoltura ed enologia o enotecnico;
  • Diploma di enologo;
  • Diploma di laurea in scienze agrarie con specializzazione nel settore enologico;
  • Diploma di laurea in scienze delle preparazioni alimentari con specializzazione nel settore enologico;
  • Titoli equipollenti conseguiti all´estero.

È importante avere esperienza di degustazione?

Non solo è importante ma in molti casi è anche obbligatorio. L’iscrizione all’elenco delle Camere di Commercio per Tecnici Degustatori, spesso richiede l’esercizio documentato, nei due anni precedenti la data di presentazione della domanda di iscrizione, dell´attività di degustatore, in forma continuativa, per i vini D.O.C.G. o D.O.C.

Cosa cambia per l’elenco degli esperti degustatori?

La differenza, per chi vuole iscriversi all’elenco degli esperti degustatori consiste nei requisiti. In questo caso, infatti, è necessario dimostrare:

  • La partecipazione a corsi organizzati da associazioni nazionali ufficialmente riconosciute operanti nel settore della degustazione dei vini e superamento di esami sostenuti a conclusione dei corsi stessi;
  • L’esercizio dell´attività di degustatore per almeno un biennio, in modo continuativo, antecedentemente alla data di presentazione della domanda.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.