Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni: aliquota al 3%

Rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni: aliquota al 3%

Rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni: aliquota al 3%

La rivalutazione dei beni d'impresa e delle partecipazioni, con l'imposta sostitutiva al 3% introdotta con il decreto di Agosto, può portare ad un notevole risparmio per le imprese italiane. Chi può beneficiarne? Quali sono i beni rivalutabili? A quanto ammonta il risparmio sulle imposte?



Il decreto di Agosto ha introdotto importanti novità in merito alla rivalutazione dei beni d'impresa con un'imposta sostitutiva al 3%. Questo si può tradurre in un importante risparmio in merito alle imposte che l'impresa andrà a versare.

Chi può beneficiare dell’imposta sostitutiva al 3%

Le società di capitali, le cooperative, i trust, gli enti pubblici e privati che esercitano attività commerciale sul territorio nazionale possono rivalutare i beni d’impresa e le partecipazioni in società controllate e collegate che costituiscono immobilizzazione.

Quali sono le novità introdotte dal Decreto Agosto?

L’articolo 110 del Decreto Agosto (il numero 104 del 2020), apporta delle modifiche alla rivalutazione dei beni per le imprese. La principale novità è l’aliquota del 3% per i maggiori valori iscritti in bilancio. La novità è interessante perché vi è la sostituzione delle precedenti e più gravose aliquote del 12% e del 14%.

È vero che la rivalutazione può interessare anche un solo bene?

Si, è vero. Questa è l’altra importante novità introdotta dal Decreto Agosto. Ciò vuol dire che all’interno dei beni rivalutabili, non è più obbligatorio dover necessariamente rivalutare tutti quelli appartenenti ad una medesima categoria.

Cosa comporta nella pratica?

Comporta poter disporre di un maggior ventaglio di opzioni. Immaginiamo una categoria di strumenti costituito da tre cespiti. Con la novità del Decreto Agosto, sarà possibile rivalutare anche un singolo cespite, lasciando inalterato il valore degli altri, magari in previsione di una vendita futura. Oppure sarà possibile rivalutare fiscalmente un cespite, rivalutare civilmente un altro e lasciare inalterato un terzo.

La rivalutazione di una parte dei cespiti si applica anche alle azioni?

Si, il medesimo discorso è valido anche per le partecipazioni. Immaginiamo, a titolo esemplificativo, di possedere 100 azioni della società Y e di volerne cedere il 50% con la previsione di realizzare un’importante plusvalenza. In questo caso sarà possibile rivalutare solo il lotto interessato dalla vendita, ottenendo un notevole risparmio di imposte attraverso il versamento della sostitutiva del 3%.

Quanto è possibile risparmiare con una rivalutazione al 3%?

Non è possibile calcolarlo in senso assoluto, tuttavia in maniera schematica si può esemplificare che la rivalutazione di un bene di 2000 euro, a fronte di un’imposta di 60 euro (ovvero il 3% di 2000), consente un risparmio di circa 558 euro, dato dalla somma dell’IRES (24%) e dell’IRAP (3,9%).

In quanto tempo si può pagare l’imposta sostitutiva?

La norma stabilisce il pagamento in 3 rate di pari importo. Volendo fare riferimento all’esempio precedente, il pagamento avverrebbe con rate di 60 euro ciascuna, da pagarsi a giugno 2021, 2022 e 2023.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.