-->

Riforma del 5xmille: 9 domande su tutte le novità

di Redazione

in ASSOCIAZIONI
Tempo di lettura: 3 min

Novità molto attese, sul 5xmille, dal DCPM dello scorso 23 luglio. Chi sono i nuovi beneficiari? Come è possibile essere accreditato all'elenco dei beneficiari? Quali sono le nuove soglie economiche per poter partecipare alla ripartizione? Quali obblighi per l'ente che riceve il contributo?

Condividi su

Lo scorso 17 settembre, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DCPM 23 Luglio 2020 è arrivata a destinazione la riforma del 5xmille, che molti attendevano ormai da anni, e che già dal 2017 sembrava in dirittura di arriva.

Le novità più importanti ruotano attorno ad alcuni aspetti chiave: modalità e termini per l’accreditamento al 5xmille, formazione degli elenchi, erogazione e riparto del contributo e ampliamento dei beneficiari.

Il 5xmille, lo ricordiamo, è uno strumento importantissimo che i contribuenti possono utilizzare per finanziare attività di enorme utilità sociale: pensiamo alla ricerca sanitaria condotta da fondazioni private, al finanziamento di attività a favore dei più deboli, alla salvaguardia del patrimonio paesaggistico o alla difesa degli animali

 

Cosa è cambiato per i beneficiari?

È stata estesa la platea dei soggetti che possono accreditarsi all’elenco dei beneficiari. Ai beneficiari già individuati si aggiungono gli enti del terzo settore (ETS). In questo modo i beneficiari, nel complesso, sono:

  1. Enti del terzo settore iscritti nel registro unico nazionale del terzo settore, comprese le cooperative sociali ma escluse le imprese sociali costituite in forma di società;
  2. Enti senza scopo di lucro, della ricerca scientifica e dell’università, quali università e istituiti universitari, statali e non statali. Consorzi interuniversitari, istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, statali e non statali. Enti e istituzioni di ricerca le cui finalità sono la ricerca scientifica.
  3. Enti di ricerca sanitaria, le fondazioni e gli enti vigilati dal Ministero della Salute. Le associazioni senza fini di lucro e le fondazioni che collaborano con gli enti appena menzionati;
  4. Attività sociali organizzate dai Comuni;
  5. Associazioni sportive dilettantistiche nella cui organizzazione è presente il settore giovanile;
  6. Attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici. Enti gestori delle aree protette.

 

Da quale momento gli Enti del Terzo Settore possono iscriversi tra i beneficiari del 5xmille?

Ribadendo che per iscriversi all’elenco dei beneficiari è necessario essere iscritti al RUNTS, il Registro Unico Nazionale Terzo Settore. Va precisato che il RUNTS, benché istituito formalmente nel 2017 (e sarebbe dovuto essere operativo nel 2019) non è stato ancora attuato. Per questo motivo, l’adesione degli ETS alla platea dei beneficiari del 5xmille è rimandata all’anno successivo a quello di attuazione del RUNTS.

 

Come avviene l’accreditamento per il 5xmille?

I beneficiari devono fare riferimento all’Ente competente, che può essere il Ministero della Salute, dell’Università e della Ricerca, il CONI, l’Agenzia delle Entrate e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Agricole nel caso degli Enti del Terzo Settore.

 

Anche i Comuni devano accreditarsi?

No, i Comuni sono l’unico ente che non è chiamato ad accreditarsi e per i quali l’accredito avviene d’ufficio.

 

Come posso controllare se la mia Associazione è iscritta all’elenco dei beneficiari?

Questa costituisce un’altra novità emersa dal recente DCPM. Gli Enti competenti, quindi ciascuno per il proprio settore, devono obbligatoriamente pubblicare gli elenchi di tutti i beneficiari entro il 20 aprile di ogni anno, per dare la possibilità ai legali rappresentati di richiedere una rettifica o una variazione, in caso di incongruenze, entro il 30 aprile.

 

La domanda di ammissione dev’essere presentata ogni anno?

No, per essere ammessi come beneficiari è sufficiente presentare una sola volta la domanda, visto che gli elenchi sono permanenti. Tuttavia, ogni beneficiario ha l’obbligo di comunicare eventuali variazioni che possono sopraggiungere sui requisiti.

 

Come avviene l’erogazione del contributo a favore dei beneficiari?

Questo aspetto si suddivide in due fasi. Innanzitutto viene definito un elenco di tutti coloro che hanno ottenuto il contributo e il relativo importo. Questo viene pubblicato dall’Agenzia delle Entrate entro il settimo mese successivo a quello di scadenza di presentazione della dichiarazione del redditi. Successivamente avviene l’erogazione, la quale sarà finalizzata entro la fine del secondo esercizio successivo a quello di impegno. Va precisato che entro il 30 settembre, i beneficiari hanno l’obbligo di comunicare i dati bancari, o altro, utili all’erogazione del contributo. Se non viene rispettato il termine, si viene esclusi dal riparto.

 

È vero che esiste una soglia al di sotto della quale non avviene la ripartizione?

Si è vero e su questo troviamo un’altra novità del recente DCPM. Prima di quest’ultimo la soglia era stata fissata a 12 euro, mentre ora è stata innalzata a 100 euro. Questo vuol dire che al di sotto di questa cifra non avviene la ripartizione a favore del contribuente scelto dai cittadini, ma si crea una sorta di fondo che viene poi ripartito tra quelli della medesima categoria e in maniera proporzionale alle scelte ricevute.

 

Quando è necessario rendicontare le spese sostenute con il contributo?

Il DCPM si è soffermato molto sulla questione della trasparenza. Ha stabilito infatti che la rendicontazione delle spese sostenute rispetto al contributo ricevuto, è sempre obbligatoria. I beneficiari, entro un anno dall’erogazione, devono redigere un rendiconto e una relazione illustrativa su come sono state utilizzate le somme ricevute, e devono trasmettere i documenti all’Ente competente per la pubblicazione. Da questa procedura sono esclusi solo i beneficiari al di sotto dei 20.000 euro, per i quali resta comunque l’obbligo di conservare per almeno 10 anni la documentazione che dimostri le spese sostenute con il contributo ricevuto.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

5 per MilleRUNTS

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...

Associazioni e Onlus al bivio del 31 ottobre 2020

di Luca Domenico Chiacchiari
15 ottobre 2020    0
RUNTS, ASD, ONLUS, Terzo Settore
5xmille: che cos'è e chi può beneficiarne?

di Know How
06 ottobre 2020    0
5 per Mille


Oggi parlo di ASSOCIAZIONI

Regione Molise: contributi per ASD e SSD

di Luca Domenico Chiacchiari
21 gennaio 2021
Regione Molise, ASD, SSD