-->

Riflessi fiscali della procedura di ammissione a socio

di Luca Domenico Chiacchiari

in ASSOCIAZIONI
Scrivigli su Know How
Tempo di lettura: 2 min

Diventare socio di una ASD è una operazione che necessita di particolare attenzione perché le somme da questi erogate alla ASD potrebbero essere tassate.

Condividi su

Diventare socio di una ASD è una operazione che necessita di particolare attenzione.

Da un punto di vista fiscale, infatti, sono esenti da tassazione i proventi ricevuti da un socio a fronte di servizi (ad esempio corsi sportivi) erogati dalla ASD. Per questo motivo è essenziale comprendere quando il richiedente diventi effettivamente un socio.

Il Codice Civile non dispone nulla di specifico circa i tempi e le modalità di ammissione a socio lasciando una certa autonomia allo Statuto sociale.

Le disposizioni fiscali, al contrario, toccano l’argomento condizionando i benefici fiscali al rispetto della "effettività" del rapporto associativo e della "democratica partecipazione" alla vita associativa. Viene richiesto, in pratica, che il rapporto associativo sia concreto, non solo formale, e che in ogni momento venga garantita al socio la possibilità di esercitare i diritti a lui riconosciuti dalla Legge e dallo Statuto sociale (es. partecipazione assemblee, elettorato attivo e passivo, partecipazione alle attività sociali, ecc.).

Le regole di ammissione, dunque, non devono deporre a favore della tesi che l'accesso al centro sportivo e la partecipazione alle attività sportive organizzate dal sodalizio sportivo sia consentito indiscriminatamente al pubblico. Evitare, dunque, che i frequentanti possano essere qualificabili come "clienti".

Una corretta procedura di ammissione allo status di socio, da riportare in Statuto, potrebbe essere:

  • Il richiedente presenta apposita domanda scritta di ammissione/tesseramento al Consiglio Direttivo;
  • Il richiedente dichiara, per iscritto, di aver preso visione e di accettare le regole statutarie, i regolamenti interni e quelli dell'organismo di affiliazione, prestando il consenso al trattamento dei dati personali sensibili;
  • La richiesta viene esaminata dal Consiglio Direttivo il quale, in mancanza di cause ostative, delibera l'ammissione a socio del richiedente con apposito verbale di adunanza;
  • Il "neo socio" versa la quota associativa eventualmente deliberata dal CD per quell'anno;
  • Il neo socio viene iscritto nel libro soci, unitamente ai riferimenti dell'eventuale avvenuto tesseramento sportivo;

Prima che tale iter, o altra procedura prevista dallo Statuto, si sia concluso le somme incassate dal richiedente da parte della ASD, a qualsiasi titolo, non potranno godere dei benefici fiscali previsti.

Nella prassi operativa abbiamo osservato che molte ASD hanno previsto nel proprio Statuto una procedura più "snella" di quella sopra esposta, mediante l'introduzione della cosiddetta "delibera presidenziale". In sostanza, il socio diverrebbe tale ed effettivo quando la sua richiesta scritta vene controfirmata per accettazione dal Presidente e solo successivamente ratificata dal CD.

Questa procedura non viene unanimemente riconosciuta come legittima o inattaccabile ma ha dalla sua le seguenti considerazioni:

  • E' lo Statuto che deve dettare le modalità di ammissione al sodalizio;
  • La "delibera presidenziale" rappresenta, in ogni caso, un "riscontro" da parte della ASD per cui tale prassi non può essere intesa come un modo per rendere accessibile il centro sportivo in modo "indiscriminato";
  • L' effettività" del rapporto associativo e la "democratica partecipazione", imposti dalla Legge fiscale, si misurano durante il rapporto associativo e non sulla modalità di ammissione allo status di socio.
  •  Le ASD dovrebbero favorire e non limitare (iperburocratizzando la procedura di ammissione) l'ampliamento della propria compagine come passaggio necessario finalizzato alla divulgazione sul territorio dello sport.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

ASDSocietàAssociazioniAssociazione Sportiva

di Luca Domenico Chiacchiari
Dottore Commercialista e Revisore Contabile

Luca

Luca Domenico Chiacchiari da circa 15 anni è titolare dell'omonimo studio professionale a Pescara in Via Falcone e Borsellino n. 26. Svolge consulenza contabile e tributaria per società, imprenditori e professionisti, consulenza civilistico-fiscale in favore di Enti NO profit, redazione di business plan e controllo dei conti nell'ambito di finanziamenti pubblici regionali e nazionali, revisore contabile nell'ambito dei progetti di Formazione Continua alle PMI, è Delegato del Tribunale per gestione Esecuzioni Immobiliari. Sportivo da sempre, da 15 anni assiste ASD, SSD e CIRCOLI ricreativi e culturali del centro Italia, anche in partenariato con importanti Enti ed organizzazioni nazionali come UISP, CSEN, FILJKAM e FISE.

Scopri di più

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...

Contributi, bonus e aiuti per ASD/SSD

di Luca Domenico Chiacchiari
25 maggio 2020    0
Covid-19, Associazione Sportiva, ASD, SSD, Bando
25000 euro a tasso zero per ASD/SSD

di Luca Domenico Chiacchiari
21 maggio 2020    0
Covid-19, ASD, SSD, Associazione Sportiva
Aperte le iscrizioni alle liste 5 per mille

di Luca Domenico Chiacchiari
09 aprile 2020    0
Associazioni, Associazione Sportiva, ASD


Oggi parlo di ASSOCIAZIONI

Dal 15 giugno contributi per ASD/SSD

di Luca Domenico Chiacchiari
12 giugno 2020
Covid-19, Fondo Perduto, Contributi