-->

Ridurre il canone di affitto per il coronavirus

di Redazione

in CASA
Tempo di lettura: 2 min

L’emergenza coronavirus pesa anche su coloro che, non lavorando, hanno difficoltà a sostenere il canone di locazione a uso abitativo o commerciale. Una possibilità arriva dagli accordi reciproci.

Condividi su

Per andare incontro alla difficoltà di sostenere il pagamento del canone di locazione, sia per uso commerciale che abitativo, è possibile trovare una soluzione condivisa tra inquilini e proprietari.

 

I contratti interessati

La possibilità di ridurre i canoni di locazione e quindi le relative tasse dovute, si applica a qualsiasi tipologia di contratto, a prescindere che si tratti per uso abitativo o commerciale, dalla durata del contratto o dalla tipologia di regime fiscale adottato, ovvero che si tratti di tassazione ordinaria o cedolare secca.

 

Come funziona

La procedura comporta un accordo preventivo tra il proprietario e l’inquilino, i quali sono chiamati ad accordarsi per una riduzione del canone di locazione in funzione di questo momento di difficoltà. Al fine di evitare di pagare le imposte per i canoni non riscossi, è necessario che l’accordo sia registrato entro 30 giorni.

 

Cosa scrivere nella domanda

La scrittura dell’accordo segue regole molto precise ma semplici. In primo luogo è necessario fare riferimento al contratto stipulato, indicando i dati del proprietario e dell’inquilino, evidenziando il canone annuale inizialmente stabilito, il nuovo canone così come previsto dall’accordo e il numero di mesi per cui quest’ultimo sarà valido.

Alla fine del documento va apposta la data e la firma di entrambi. Il documento può essere gestito via mail, proprio a causa della chiusura degli uffici per via del Covid-19.

 

Un esempio

Ipotizziamo che inizialmente fossa stato stabilito un canone di 500 euro mensili, che ammontano a 6000 euro l’anno. E ipotizziamo che il nuovo accordo preveda una riduzione fino a 300 euro al mese, per i prossimi sei mesi. Ciò vuol dire che per i primi 3 mesi (Gennaio, Febbraio, Marzo) è stato corrisposto un totale di 1500 euro (500+500+400) e che per i successivi 6 mesi verrà versato un totale di 1800 euro (300 euro per Aprile, Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre) e poi un canone complessivo di altre 1500 euro (500 euro per Ottobre, Novembre e Dicembre), il canone finale annuo, sarà di 4800 euro invece di 6000 come da canone iniziale.

 

Quanto si risparmia

Ovviamente non è possibile stabilire a priori l’effettivo risparmio ma va precisato che le tasse andranno pagate solo in base al nuovo canone annuo , quindi il risparmio è sia per il proprietario che verserà meno tasse, sia per l’inquilino che verserà un canone più leggero.

 

Come presentare domanda

Per presentare la domanda è necessario scaricare io modello 69 dal sito dell’Agenzia delle Entrate, compilarlo e inviarlo all’Agenzia anche tramite un indirizzo mail semplice, ovvero senza la necessità della PEC. Avendo stabilito nella domanda la durata in mesi del nuovo canone di locazione, non sarà necessaria più alcuna comunicazione a riguardo del ripristino del nuovo contratto. In ogni caso, a termine dell'emergenza coronavirus, sarà necessario presentare all'Agenzia il documento originale.

La situazione potrebbe essere più complicata per chi ha il contratto in scadenza a cavallo di questi mesi.

 

A quale professionista rivolgersi?

Innanzitutto bisogna valutare bene il tipo di problema che si desidera affrontare. In ogni caso, in linea generale, consigliamo di rivolgersi ad un commercialista, ma anche un tributarista, per capire come gestire la situazione da un punto di vista fiscale. È possibile rivolgersi anche ad un avvocato qualora la situazione sia più complessa e si dovesse verificare il caso che il proprietario non acconsenta alla riduzione. Tutti questi professionisti potete trovarlo comodamente su Know How, l’app che mette in contatto professionisti e imprese o privati cittadini. Si può scaricare gratuitamente per iOS e Android.

Tag

Covid-19affitto

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di CASA