-->

Resto al Sud: Le novità sui limiti di età

di Redazione

in FINANZIAMENTI E INVESTIMENTI
Tempo di lettura: 1 min

Ormai attivo da diversi anni, Resto al Sud è ancora un ottimo strumento per sostenere la nascita di nuove imprese nelle Regioni del sud Italia. Quali sono gli ambiti di applicazione? In cosa consiste l'agevolazione? Quali sono le novità introdotte negli ultimi anni? Chi può beneficiarne?

Condividi su

Torniamo a parlare di Resto al Sud, l’incentivo che favorisce la nascita di nuove imprese nelle Regioni del sud Italia. Le difficile situazione economica che stiamo vivendo a causa della pandemia da Coronavirus ha reso necessario apportare alcune modifiche alle norme che regolano l’incentivo di Invitalia, al fine di allargare il più possibile la platea di coloro che possono accedere alle agevolazioni previste per le imprese che danno vita ad una nuova attività imprenditoriale per il tramite di Resto al Sud.

 

Che cos’è Resto al Sud?

Iniziamo con una domanda basilare per capire di cosa stiamo parlando. Si tratta di un incentivo statale gestito da Invitalia. Lo scopo di questo incentivo è sostenere la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali o l’avviamento di nuovi liberi professionisti nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria). Quindi vale non solo per le nuove costituzioni ma anche per le imprese già costituite che intendo sviluppare la propria attività.

 

Qual è il limite di età per accedere?

Questa è la principale novità introdotta nei giorni scorsi. Inizialmente Resto al Sud era accessibile fino agli under 46, mentre ora è stato esteso agli under 56. La novità è stata introdotta con la Legge di Bilancio 2021 ed è veramente fondamentale in uno scenario come quello attuale in cui i il rischio di perdita del lavoro per chi ha superato una certa età è diventato qualcosa di concreto.

 

Quali sono le situazioni in cui si può accedere a Resto al Sud?

Sono svariate. Tralasciando quelle più ovvie legate all’apertura di nuove imprese o al miglioramento di quelle esistenti, altri interessanti ambiti di applicazione sono:

  1. Workers BuyOut, per favorire l’acquisizione aziendale da parte dei dipendenti;
  2. Le imprese di donne;
  3. Le imprese avviate da ex dirigenti in esubero;
  4. Le imprese acquisite per mancanza di cambio generazionale.

 

È vero che Resto al Sud si rivolge anche ai liberi professionisti?

Si è vero, è stata una delle prime novità che hanno ampliato di molto la platea dei beneficiari.

 

In cosa consiste l’agevolazione Resto al Sud?

In un contributo a fondo perduto del 50% e di un finanziamento a tasso zero per la restante parte. L’agevolazione copre il 100% dei costi e può arrivare fino a 200.000 euro nel caso la società sia costituità da 4 soci.

 

Sono necessarie garanzie per il finanziamento?

No, il finanziamento a tasso zero da restituire in 10 anni è garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

Resto Al SudInvitaliaContributi alle Imprese

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tienitis aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di FINANZIAMENTI E INVESTIMENTI