Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Responsabilità e caratteristiche del Consulente Tecnico di Ufficio

Responsabilità e caratteristiche del Consulente Tecnico di Ufficio

Responsabilità e caratteristiche del Consulente Tecnico di Ufficio

Quali sono le responsabilità che incombono sul Consulente Tecnico d'Ufficio? E quali sono i compiti che è chiamato a svolgere? Rispondiamo ad alcune domande su un argomento che riguarda molti professionisti che svolgono incarichi anche in qualità di consulenti del tribunale.



Il consulente tecnico d’ufficio, che da questo momento in poi chiameremo più semplicemente CTU, è una figura che ha il compito di supportare il magistrato nello svolgimento della sua attività. Quindi è considerato un suo ausiliare benchè non faccia parte dell’ufficio giudiziario. Le caratteristiche di base che un CTU dovrebbe avere fanno capo essenzialmente a due categorie:

  1. Essere un soggetto chiamato a consigliare il giudice con relazioni non vincolanti;
  2. Essere un tecnico, un esperto, su materie che il giudice non conosce.

Del resto il compito del CTU è proprio quello di fornire al giudice i chiarimenti tecnici di cui necessità per poter arrivare a un giudizio finale.

Le considerazioni di un CTU posso essere controbattute?

No, nel senso in cui il CTU non è un mezzo di prova ma un mezzo istruttorio, ed è a discrezione del giudice farne ricorso qualora lo ritenga importante per validare, oppure no, fatti già acquisiti, da un punto di vista tecnico-scientifico.

Il parere del CTU vale come prova?

No, è quanto stabilito già nella risposta precedente. Esiste anche una sentenza della Cassazione la quale stabilisce che il parere di un CTU non può esonerare le parti dal dimostrare la propria verità.

Il giudice deve rispettare sempre il parere del CTU?

No, assolutamente. Infatti si tratta di un parere non vincolante. Tuttavia, qualora il giudice intenda dissentire dal parere del CTU, ha l’obbligo di motivare il proprio dissenso.

Quali responsabilità ha il CTU?

Il CTU può andare incontro a tre diverse responsabilità:

  1. Responsabilità disciplinare: quando il CTU non tiene una condotta morale adeguata e non è stato in grado di ottemperare agli obblighi derivanti dall’incarico ricevuto. In questo caso gli effetti possono essere la cancellazione momentanea e definitiva dall’albo dei CTU.
  2. Responsabilità penale: possono incorrere nel reato di falsa perizia e di rifiuto di ufficio legalmente dovuto.
  3. Responsabilità civile: in questo caso gli effetti sono il risarcimento per i danni provocati alle parti del processo per via del comportamento non corretto.

La responsabilità interviene anche in caso di perizia errata?

Certamente, a maggior ragione se la perizia induce in errore il giudice. Oppure è responsabile qualora provochi un ritardo nella conclusione della causa.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.



Tags

CTU


L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.