Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Passaggio del vino Doc a DOCG: tutte le novità in 3 domande

Passaggio del vino Doc a DOCG: tutte le novità in 3 domande

Passaggio del vino Doc a DOCG: tutte le novità in 3 domande

È stata accolta con favore da tutte le organizzazioni delle filiera vitivinicola la riforma introdotta dal Decreto Legge N.76. Cosa cambia per i vini che vogliono fare l’upgrade da DOC a DOCG? Qual è la percentuale di produttori che deve rivendicare il vino? Quanti anni di DOC prima dell'upgrade?



Quest’estate ci siamo occupati di vino ed esportazione verso l’estero, nello specifico gli Stati Uniti. Abbiamo ricevuto numerose domande di chiarimento, sulle procedure di esportazione che, come facilmente immaginabile, sono tutt’altro che semplici, visto che si devono confrontare due differenti legislazioni: quella del paese di partenza a quella del paese verso dove si esporta.

Torniamo sull’argomento vini italiani in quanto nel mese di luglio, a qualche giorno dalla nostra pubblicazione, è stato approvato il Decreto Legge n.76 con importanti novità per le imprese vitivinicole.

Quali sono tutte le novità introdotte dal DL N.76?

Non ci sono soltanto nuove norme in merito al passaggio di un vino DOC ad una DOCG. In aggiunta, il Decreto si sofferma sulle indicazioni in etichetta, sul periodo vendemmiale e sulla equiparazione tra gli organismi di certificazioni privati e le camere di commercio. In ognuno di questi casi si è proceduto nel senso della semplificazione.

Sulla questione del DOCG, invece, quali sono le novità?

L’intervento del Decreto mira a modificare alcuni requisiti che oggi sono richiesti per il passaggio da DOC a DOCG. Nell specifico si fa leva su:

  1. Anzianità del DOC;
  2. Proprietà organolettiche;
  3. Risonanza commerciale.

Rispetto al primo punto, vuol dire che il salto di categoria verso la DOCG è possibile solo per vini che sono stati DOC per almeno 7 anni. A questo si aggiunge la necessità che il vino abbia già ricevuto l’apprezzamento dal mercato per le sue qualità intrinseche, al punto che si parla di vera e propria risonanza commerciale per il vino in questione.

Quanto è importante il numero delle rivendicazioni?

Moltissimo. Il Decreto ha stabilito che per ottenere la DOCG, il vino dev’essere stato rivendicato da almeno il 66% dei produttori e delle superfici vitate, dato che viene registrato nell’ultimo biennio. Inoltre che il vino sia stato imbottigliato da almeno il 51% degli operatori autorizzati. Quest’ultimo dato viene misurato su base quinquennale.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.