Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Nessuna tassa sul capital gain: quando è possibile?

Nessuna tassa sul capital gain: quando è possibile?

Nessuna tassa sul capital gain: quando è possibile?

È sempre molto sentito il tema delle tasse capital gain, soprattutto dopo che la legge di bilancio 2002 ha innalzato la precedente aliquota del 20%, portandola fino al 26%, ovvero quasi un terzo del guadagno realizzato. Il recente Decreto Sostegni Bis ha introdotto un'altra novità.



Cosa significa Capital Gain?

È importante partire dalle definizioni, perché ci permette di capire qual è il nostro ambito di movimento. Capital Gain non è altro che l’espressione anglosassone per identificare il nostro concetto di plusvalenza. Come è noto, la plusvalenze (ovvero la differenza tra ciò che ho investito e ciò che ho guadagnato) sono soggette a tassazione da parte dello Stato. La tassazione, forse è superfluo ricordarlo, si applica esclusivamente quando il capital gain risulta positivo.

Come poso evitare le tasse sulla plusvalenza?

In verità non è mai possibile evitare questo genere di tassa, a meno che non si verifichi una condizione particolare che consente di ottenere delle agevolazioni. Questo è il caso fissato con l’articolo 14 del recente Decreto Sostegni Bis. Infatti, in virtù della particolare congiuntura negativa a livello economico, il Governo italiano ha stabilito che il capital gain, o se preferisci la plusvalenza, derivante da una futura cessione di partecipazioni al capitale di startup innovative non sono soggette a imposizione, ovvero non si possono tassare.

Quali sono i requisiti dell’investimento effettuato?

È necessario che siano rispettati i seguenti requisiti:

  1. L’investimento in una partecipazione nel capitale sociale della startup innovativa dev’essere stato effettuato da un privato, non da un’impresa;
  2. La sottoscrizione dev’essere effettuata nel periodo compreso tra il 1 giugno 2021 e il 31 dicembre 2025;
  3. L’investimento, ovvero la sottoscrizione dev’esser mantenuta per almeno 3 anni;

È vero che l’esenzione vale anche per altre tipologie di plusvalenza?

Sì è vero. Nello specifico è possibile ottenere l’esenzione anche per il capital gain derivante da medesimi investimenti di cui ai precedenti quesiti ma a favore di PMI innovative. Inoltre sono agevolabili anche le plusvalenze definite nell’articolo 67lettera c e c bis del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TIUR). Anche in questi casi valgono i medesimi requisiti già visti in precedenza, in particolare preme ricordare la necessità che gli investimenti siano effettuati esclusivamente da privati.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.