Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / NEET e impresa: 9 domande sul nuovo Selfiemployment

NEET e impresa: 9 domande sul nuovo Selfiemployment

NEET e impresa: 9 domande sul nuovo Selfiemployment

Torna il Selfiemployment, con diverse novità molto importanti per chi desidera fare impresa. Quali sono i programmi attivati? A quali Regioni si rivolge l'azione di Invitalia? Quali sono i requisiti per accedere? Cosa è possibile ottenere accedendo al programma? Cosa indica l'acronimo NEET?



L’obbiettivo del Selfiemployment è quello di sostenere l’avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei NEET. Dal 22 febbraio sarà possibile presentare domanda di ammissione al progetto, per ottenere un sostegno alla propria idea imprenditoriale. Un'ottima opportunità per i NEET che hanno intenzione di diventare imprenditori e saltare così la fase di ricerca di una occupazione.

Cosa è possibile ottenere?

Finanziamenti agevolati da 5000 a 50.000 euro, senza interessi e senza necessità di garanzia, concessi in regime De Minimis.

Come sono riparti i finanziamenti?

Esistono 3 fasce di finanziamento:

  1. Microcredito, per programmi di spesa compresi tra 5.000 e 25.000 euro;
  2. Microcredito esteso, per programmi di spesa compresi tra 25.001 e 35.000;
  3. Piccoli prestiti, per programmi di spesa compresi tra 35.001 e 50.000 euro.

Chi può presentare la domanda?

Possono presentare domanda le imprese Individuali, le società di persone, le società cooperative, le cooperative sociali le associazioni professionali e le società tra professionisti sia già costituite (ma da non oltre 12 mesi) e sia da costituire entro 90 giorni dalla data di ammissione del progetto.

Quali sono le attività finanziabili?

Sono finanziabili tutte le attività, anche in forma di franchising, che operano nella produzione di beni, offrono servizi o svolgono attività di commercio nei seguenti settori:

  1. Turismo;
  2. Servizi alla persona;
  3. Servizi per l’ambiente;
  4. Servizi ICT;
  5. Risparmio energetico ed energie rinnovabili;
  6. Servizi alle imprese;
  7. Manifatturiera e artigianato;
  8. Commercio al dettaglio e all’ingrosso;
  9. Alcuni imprese operanti nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli.

È vero che sono previste 2 linee di progetto?

Sì, è vero ma è più corretto parlare di linee di intervento, e sono:

  1. Linea 1: progetti promossi da NEET residenti nelle Regioni: Veneto, Emilia-Romagna, Lazio, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia, Campania, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo e Provincia Autonoma di Trento, a valere sul Fondo PON IOG;
  2. Linea 2: progetti promossi da NEET residenti in qualsiasi Regione o nella Provincia Autonoma di Trento, a valere sul Fondo PON SPAO.

Chi sono i NEET?

NEET è l’acronimo di Not in Education, Employment or Training ovvero cittadini che stanno vivendo una situazione di svantaggio sociale in quando non studiano, non stanno seguendo percorsi di formazione professionale e non lavorano. Per poter essere classificato come NEET, quindi per poter accedere al bando, è necessario possedere i seguenti requisiti:

  1. Età compresa tra 18 e 29 anni al momento della registrazione al Programma Garanzia Giovani;
  2. Essere non occupati;
  3. Non essere inseriti in un regolare percorso di studi;
  4. Non essere inseriti in alcun corso di formazione.

Quale percentuale delle spese ammissibili è finanziabile?

È finanziabile il 100% del programma di spesa, al netto di IVA.

Quali sono le spese ammissibili?

Sono ammissibili sia le spese materiali che immateriali. Nello specifico si rimanda ai successivi elenchi. Per le spese materiali e immateriali:

  1. beni mobili quali, strumenti, attrezzature e macchinari;
  2. hardware e software;
  3. opere murarie, entro il limite del dieci percento (10%) dell’ammontare delle spese.

Per il capitale circolante, sono ammissibili:

  1. la locazione di beni immobili e canoni di leasing;
  2. le utenze;
  3. i servizi informatici, di comunicazione e di promozione;
  4. i premi assicurativi;
  5. le materie prime, materiale di consumo, semilavorati e prodotti finiti;
  6. i salari e gli stipendi;
  7. l’IVA non recuperabile.

Come si presenta la domanda?

Le domande di agevolazione, complete di tutti gli allegati, possono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 22/02/2021 attraverso il sito internet di Invitalia.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.