-->

Marchi storici: contributo a fondo perduto per singolo dipendente

di Redazione

in FINANZIAMENTI E INVESTIMENTI
Tempo di lettura: 1 min

Contributi a fondo perduto per le aziende italiane che rientrano nel raggruppamento dei marchi storici. Si tratta della seconda azione che fa leva sul Fondo istituito con la legge 77 del 2020. Quali sono i requisiti per accedere? A quanto ammonta il beneficio? Quantoviene erogato per dipendente?

Condividi su

La legge 77 del 2020, che ha convertito il Decreto N. 34 del medesimo anno, ha istituito un Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e per la prosecuzione dell’attività di impresa.

 

In che maniera opera il Fondo?

Le azioni messe in campo dal Governo e che fanno leva su questo Fondo, la cui dotazione è di 200 milioni di euro per il 2020 e 250 milioni per il 2021, sono essenzialmente 2:

  1. L’ingresso di Invitalia nel capitale di rischio di imprese in difficoltà;
  2. Concessione di contributi a fondo perduto.

Quest’articolo si concentra sul secondo dei due punti sopra elencati.

 

Chi sono i beneficiari del Fondo?

Sono imprese che innanzitutto si trovano in una situazione di difficoltà economica, tant’è che il Fondo interviene proprio per sanare quella medesima difficoltà. I beneficiari di entrambe le azioni sono tutte le imprese che rispondono ad almeno uno dei seguenti requisiti:

  1. Essere un’azienda titolare di un marchio storico di interesse nazionale;
  2. Essere una società di capitale con almeno 250 dipendenti;
  3. Essere un’impresa che a prescindere dal numero di dipendenti, detiene beni e rapporti di rilevanza strategica per la collettività nazionale.

 

Quando l’impresa si può considerare in difficoltà?

Quando le previsioni sui flussi di cassa futuri disegnano un quadro non compatibile con il pagamento delle obbligazioni pianificate. Le imprese non devono essere tra quelle che hanno ricevuto altri fondi non rimborsati e gli amministratori non devono aver ricevuto condanne penali.

 

A quanto ammonta il contributo a fondo perduto?

Il contributo concesso può arrivare fino a 5000 euro per ogni singolo dipendente, per un massimo di 3 anni per ciascun dipendente.

 

Quali sono le condizioni per poter accedere al contributo?

Aver beneficiato anche dell’azione al punto 1.

 

È vero che sono previste delle aliquote di riduzione?

Si, quando il piano di ristrutturazione non prevede la stabilità occupazionale per tutti i dipendenti. L’aliquota di riduzione può andare dal 10 fino al 50%, in base alla percentuale di stabilità occupazionale garantita, che può essere del 90% oppure arrivare fino al 70%.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

Contributi alle ImpreseFondo Salvaguardia Occupazione

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di FINANZIAMENTI E INVESTIMENTI