Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Le Zone Economiche Speciali: cosa sono e perchè conviene fare impresa

Le Zone Economiche Speciali: cosa sono e perchè conviene fare impresa

Le Zone Economiche Speciali: cosa sono e perchè conviene fare impresa

Le Zone Economiche Speciali sono territori dove è possibile fare impresa beneficiando di agevolazioni altrove impossibili. Quali sono le ZES già costituite? In quali Regioni è possibile trovare una ZES? Quali sono i benefici di cui può godere un'impresa? A quali imprese si applicano i benefici?



Si parla poco delle ZES, acronimo di Zone Economiche Speciali, benché la loro istituzione, che è di competenza delle Regioni, è stata riconosciuta già nel 2017 con la legge N. 123, a cui ha fatto seguito il DCPM del 25 gennaio 2018 con il regolamento sull’istituzione delle ZES, che in verità rappresentano un’interessante opportunità per tutti coloro interessati ad aprire una nuova attività imprenditoriale, anche alla luce delle novità introdotte con la recente legge di bilancio.

Cosa sono le ZES?

Come accennato poc’anzi, ZES è l’acronimo di Zone Economiche Speciali, ovvero aree dell’Italia dove le imprese già avviate o di nuova costituzione, possono beneficiare di agevolazioni fiscali e semplificazioni amministrative. Le ZES sono finalizzate all’obbiettivo della crescita economia del Mezzogiorno.

Quali sono le Regioni in cui è possibile costituire una ZES?

Allo stato attuale le Regioni che possono istituire una o più ZES sono 8, e sono indentificate come le aree economicamente più svantaggiate del paese. Nello specifico si tratta delle seguenti Regioni:

  1. Abruzzo;
  2. Basilicata;
  3. Calabria;
  4. Campania;
  5. Molise;
  6. Puglia;
  7. Sardegna;
  8. Sicilia.

Qual è il principale requisito di una ZES?

Che vi sia almeno un’area portuale. In caso si presenza di più aree portuali, la Regione può presentare domanda di istituzione di più ZES.

Quali sono a oggi le ZES istituite?

Alla data del presente articolo, le ZES già costituite sono solo 4, di seguito elencate;

  1. Zes Calabria;
  2. Zes Campania;
  3. Zes Ionica Interregionale Puglia-Basilicata;
  4. Zes Adriatica Interregionale Puglia-Molise.

Quali sono i benefici per le imprese che rientrano in una ZES?

Sono molteplici e sono definite e aggiornate con continuità. Ad esempio con il Decreto Semplificazioni sono state approvate due azioni quali la sospensione dell’IVA e i dazi doganali per le merci stoccate in una ZES, e la riduzione di un terzo dei termini per alcun procedimenti amministrativi.

Quali benefici per chi deve richiedere autorizzazioni e licenze?

Anche su questo punto è stata introdotta un’importante novità. Per le autorizzazioni, le richieste di licenze, permessi o concessioni che richiedono pareri o intese di più Amministrazioni, i tempi sono stati dimezzati.

Quali sono i benefici per le nuove imprese in una ZES?

La recente legge di Bilancio ha introdotto un’azione a sostegno delle nuove imprese che avviano un’attività nel territorio di una ZES. Si tratta di una riduzione del 50% dell’imposta sul reddito, a partire dal periodo d’imposta in corso al momento della costituzione della nuova impresa e per i successivi sei periodi.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.