-->

Le conseguenze del coronavirus sulla filiera turismo e trasporti

di Vincenzo Ciulla

in LAVORO
Scrivigli su Know How
Tempo di lettura: 1 min

Il comparto produttivo italiano rischia di perdere tra i 270 e 650 miliardi di euro di fatturato nel 2020-21 in base alla durata dell'emergenza. Strutture ricettive ed automotive risultano essere i settori più colpiti rispetto ad altri che comunque subiranno ingenti danni

Condividi su

La filiera turismo e trasporti potrebbe risultare tra i comparti maggiormente danneggiati dalla pandemia.

Nel biennio 2020-21, le imprese operanti nella filiera "Viaggi e Turismo" potrebbero infatti subire perdite dei ricavi dai 33 ai 73 miliardi di euro, con contrazioni particolarmente significative in alcuni settori come quello alberghiero, delle agenzie di viaggio, della ristorazione e dell’autonoleggio

Le società di capitale italiane che operano nella filiera turismo e trasporti sono 64 mila (8,2% del totale), generano un fatturato complessivo di 110 miliardi di euro (4,2% del totale) e impiegano quasi 1 milione di addetti (9,5% del totale).

I sostegni pubblici a favore di imprese e famiglie saranno pertanto indispensabili e fondamentali per la tenuta dell'economia e conseguentemente dei mercati finanziari.

Tag

Covid-19turismo

di Vincenzo Ciulla
Consulente Aziendale

Vincenzo

Fondatore e CEO di Know How, Vincenzo Ciulla è laureato in Economia e Commercio alla "Cattolica di Milano". Esperto in risanamento di imprese operanti nei settori agro-industriale, lusso, immobiliare, gdo. Inizia la propria carriera in Price Water House Coopers Spa di Milano dedicandosi prima alla revisione contabile di aziende quotate, poi al Transaction Services. È stato responsabile M&A di un fondo di private equity di diritto belga. È stato co-fondatore di Ferax Merchant Spa, specializzata nelle attività di turnaround. È stato Amministratore Delegato della Lazzaroni & C. Spa e della Sapori Italia Srl. Nel 2009 fonda Korion, società specializzata nella consulenza straordinaria di impresa, di cui è amministratore unico. Nel 2016 fonda la Fuddria Srl con cui inizia l'avventura di Know How.

Scopri di più

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di LAVORO

Il 60% dei costi di un ristoratore sono FISSI

di Vincenzo Ciulla
29 aprile 2020
MOL, Covid-19