-->

Lavorare in Italia con il visto per lavoratori subordinati

di Redazione

in LAVORO
Tempo di lettura: 3 min

Lavorare in Italia essendo straniero è possibile grazie alla richiesta di un visto per lavoro, che può essere di due tipi: per lavoratore autonomo o subordinato. Nell'articolo di oggi vediamo le procedure e i requisiti per i lavoratori subordinati che fanno richiesta dello specifico visto.

Condividi su

Se sei uno straniero che intende lavorare in Italia, devi sapere che esiste la possibilità di richiedere un visto specifico e dedicato ai lavoratori stranieri.

Il primo punto da evidenziare è la distinzione tra lavoratori autonomi e lavoratori subordinati. A seconda della tipologia a cui appartieni, dovrai fare richiesta di un visto differente. Nell’articolo in questione parliamo di visto per lavoratori stranieri subordinati.

 

Il visto per lavoro subordinato

Similmente al visto per il permesso per lavoro autonomo, il visto per lavoro subordinato permette l’ingresso e il soggiorno in Italia per i dipendenti a tempo determinato o indeterminato, purché questi siano stati chiamati da un’azienda italiana (oppure operante in Italia) allo svolgimento di un’attività lavorativa con carattere subordinato, appunto.

 

La certificazione per i lavoratori subordinati

A differenza dei lavoratori autonomi, per i quali sono previsti ben altri requisiti e procedure, per il lavoratore subordinato vale la certificazione presentata dal datore di lavoro, la quale dovrà necessariamente dimostrare la disponibilità, da parte del datore di lavoro, di un reddito minimo di importo almeno doppio rispetto a quello da destinare al lavoratore da assumere, nonché prova della presenza di un alloggio idoneo per il dipendente e degli estremi minimi del contratto che dovrà essere concluso (con indicazione dell’orario di lavoro e della tipologia di inquadramento). Se si tratta di collaboratori domestici, il datore di lavoro deve indicare il familiare/convivente che dovrà beneficiare dell’assistenza da parte dello straniero.

 

Il diniego del visto: quando si verifica?

In mancanza dei requisiti previsti, il T.U. stabilisce che l’autorità consolare comunichi allo straniero il diniego del visto. Ciò avviene anche quando vengono accertate condanne in primo grado. Il diniego, peraltro, deve essere motivato e, una volta consegnato a mani proprie presso l’interessato, può essere da questi impugnato.

 

Rilascio e rinnovo del visto per lavoratori subordinati

Per quanto concerne, invece, il rilascio del visto per i dipendenti, un adempimento specifico richiesto per la presentazione della domanda all’autorità consolare concerne il preventivo possesso del nulla osta lavorativo rilasciato dallo Sportello Unico per l’immigrazione. Infatti, il T.U. stabilisce che i citati Sportelli territoriali provvedano a rilasciare queste autorizzazioni nel rispetto dei limiti numerici determinati da appositi decreti ministeriali, i quali disciplinano i cd. "flussi di lavoro".

 

La richiesta del datore di lavoro per il nulla osta

A questo fine si richiede che il futuro datore di lavoro (regolarmente stabilito in Italia secondo le norme interne ed europee) inoltri una istanza volta ad ottenere il nulla osta in favore del dipendente che dovrà impiegare. In questa sede, bisognerà indicare alcuni elementi, come:

  • le generalità del datore di lavoro e, se si tratta di un’impresa, la denominazione, ragione sociale e sede della stessa;
  • se la richiesta è nominativa, le generalità del lavoratore straniero;
  • se la richiesta è numerica, la disponibilità quantitativa che il datore esprime;
  • gli elementi identificativi del futuro contratto, tra qui i trattamenti retributivi, assicurativi e previdenziali.

 

Il Decreto Flussi e i limiti sull’accettazione delle domande

La domanda, come anticipato, viene accolta in ossequio ai limiti quantitativi previsti dal rispettivo Decreto Flussi. Esistono al momento due differenti criteri che individuano i limiti anzidetti:

  • i flussi cd. stagionali, relativi alle categoria di lavoratori impiegati nelle attività agricole e turistiche, che permettono l’ingresso a tempo determinato senza rinnovo del titolo di soggiorno alla scadenza;
  • i flussi relativi a lavoro subordinato di tipo differente, che invece danno diritto ad un visto per lavoro annuale ed eventualmente rinnovabile.

 

Le eccezioni rispetto al Decreto Flussi

Tuttavia, il T.U. Immigrazione individua delle deroghe alle quote previste dal Decreto Flussi per determinate categorie di lavoratori specializzati o in ragione del campo di attività, mantenendo però in vigore il necessario pre-requisito della richiesta di nulla-osta lavorativo. Le eccezioni riguardano, a titolo esemplificativo, i lavoratori appartenenti alle seguenti categorie:

  • collaboratori familiari alle dipendenze di cittadini europei trasferitisi in Italia;
  • stranieri già autorizzati al soggiorno per attività di formazione o dotati di visto per lavoro autonomo;
  • lavoratori marittimi;
  • impiegati in campo universitario e dottorandi/ricercatori;
  • infermieri e personale medico (purché in possesso dei titoli di studio da accertarsi previa domanda al Ministero della Salute);
  • lavoratori assunti da enti pubblici italiani;
  • lavoratori nel settore dello spettacolo e dello sport, in modo simile a quanto previsto per gli autonomi.

 

La validità del nulla osta

Sussistendo le condizioni per il rilascio del nulla osta, quest’ultimo ha una validità non superiore ai sei mesi: ne consegue che in questo lasso temporale, l’interessato dovrà presentare la domanda del permesso di soggiorno per motivi di lavoro in questura, fornendo prova degli elementi sopra indicati e allegando le dichiarazioni del datore di lavoro richieste.

 

La validità e il rinnovo del visto

Il visto ottenuto ha validità annuale e può essere rinnovato, facendone istanza entro 60 giorni dalla sua scadenza: a questo fine è necessario dimostrare la titolarità di un contratto di lavoro (non necessariamente il medesimo che ha giustificato il primo ingresso) e la documentazione relativa alla disponibilità dell’alloggio. Tuttavia, il permesso non può essere rinnovato quando lo straniero ha interrotto la permanenza in Italia per sei mesi continuativi, salve eccezioni peculiari. Va precisato che il lavoratore straniero che attende il rilascio o il rinnovo del visto per lavoro viene considerato a tutti gli effetti immigrato regolare.

 

A quale professionista rivolgersi?

Trattandosi di tema lavorativo, il miglior riferimento è sicuramente il Consulente del Lavoro, ma ciò non toglie che anche un Cosulente Aziendale o un Commercialista potrebbero offrire un valido supporto. È consigliato fare riferimento ad un professionista che abbia una buona dimestichezza con i temi dell'internazionalizzazione o comunque con le tematiche riferite al lavoro da e verso l'estero. Per un primo chiarimento prova a scaricare l'app di Know How dove puoi trovare numerosi professionisti a cui rivolgerti in completa libertà.

Tag

cittadinistraniericontrattodilavoro

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di LAVORO