-->

La Fondazione: cenni organizzativi e costituzione

di Redazione

in ASSOCIAZIONI
Tempo di lettura: 3 min

Le fondazioni sono degli enti privati che operano senza finalità di lucro in uno o più settori di pubblica utilità. Chi può dare vita ad una fondazione e come è possibile farlo? Rispondiamo a queste domande nell’articolo che segue.

Condividi su

I motivi per cui si può decidere di fondare e organizzare una fondazione sono molteplici e, a titolo esemplificativo, potremmo citare la volontà di impegnarsi nel sociale promuovendo attività culturali, scientifiche, religiose o sociali, oppure per celebrare la memoria di qualche persona defunta o ancora per salvaguardare un certo patrimonio culturale.

Per ognuna di queste e di tante altre motivazioni, la fondazione può essere una valida soluzione per la promozione di innumerevoli attività. Il primo aspetto da considerare quando si decide di organizzarsi in una fondazione è la scelta sulla tipologia.

 

Le differenti tipologie di fondazione

Una fondazione può essere di due diverse tipologie: fondazione di erogazione oppure la fondazione operativa. La differenza consiste nel modo in cui la fondazione opera rispetto ai propri scopi statuari, infatti la prima si occupa di erogare incentivi economici a favore di altri enti esterni per la realizzazione di attività conformi allo statuto della fondazione. La seconda, quella operativa, invece interviene direttamente nell’organizzazione e realizzazione delle attività, quindi finanziando se stessa per raggiungere gli scopi prefissati.

 

Come operano le fondazioni

Detto in altri termini, la fondazione di erogazione è quella che normalmente opera su di un territorio più o meno circoscritto, promuovendo bandi a tema per promuovere attività coerenti con il proprio statuto. I bandi sono sempre pubblici e accessibili previo possesso dei requisiti. Lo scopo del bando, solitamente, è quello di individuare i progetti migliori da finanziare economicamente. La fondazione operativa, invece, tendenzialmente dispone di risorse economiche e umane tali da consentirgli di operare autonomamente nell’organizzazione di attività coerenti con il proprio statuto.

 

Una definizione di Fondazione

Per comprendere la struttura fondante di una fondazione, è bene ripartire dalla definizione coniata dall’European Foundation Centre di Bruxelles, l’organismo internazionale più importante nell’ambito delle fondazioni, in quanto è essa stessa un’associazione internazionale di fondazioni. La EFCB definisce la fondazione un ente privato senza finalità di luco che dispone di una propria sorgente di reddito che deriva da un patrimonio. La disponibilità del reddito, almeno in Italia, è obbligatoriamente di provenienza patrimoniale.

L’ente fondazione è dotato di una propria struttura organizzativa e di propri organi di governo, ed utilizza le proprie risorse finanziarie per scopi educativi, culturali, religiosi, sociali o altri scopi di pubblica utilità.

 

Gli elementi costitutivi di una fondazione

Colui che decide l’istituzione di una fondazione è definito il fondatore. Questo può essere sia una singola persona, sia un insieme di persone che si indentificano attraverso una persona giuridica. La fondazione può essere costituita sia mediante un atto pubblico sia attraverso una disposizione testamentaria. L’iter per la costituzione della fondazione prevede che questa sia sancita da un notaio mediante un atto di fondazione, comunemente chiamato anche Atto Costitutivo. La sola costituzione non è sufficiente a rendere operativa la fondazione. Infatti è necessario ottenere un riconoscimento giuridico che sottopone tutti gli atti di fondazione al controllo di legittimità di un’apposita autorità vigilante, così come stabilito dall’Art. 12 e successivi del Codice Civile. A completare il quadro costitutivo vi è infine lo Statuto, il quale viene redatto e presentato nel medesimo momento in cui si procede alla costituzione di fronte al notaio ed è un documento che contiene tutte le norme organizzative per il corretto funzionamento dell’ente.

 

Esempi di fondazione

Come accennato all’inizio di questo articolo, i motivi per dare vita ad una fondazione sono molteplici. Probabilmente avrai fatto caso che spesso le fondazioni portano il nome o i nomi di persone reali- Questo avviene per celebrare la memoria di persone care scomparse oppure per lasciare, alla pubblica memoria, il nome o i nomi di coloro che si sono prodigati per la costituzione di un certo ente. Basta pensare, tanto per fare qualche esempio, alla Fondazione Bill & Melinda Gates (MBG Fundation), i quali pur essendo ancora viventi, hanno donato alla comunità mondiale la più grande fondazione privata del mondo, che opera con un patrimonio di 50,7 miliardi di dollari. Volendo restare in Italia, possiamo ricordare la Fondazione Gimbe di Bologna che opera per favorire la diffusione delle migliori evidenze scientifiche anche attraverso attività di ricerca scientifica indipendente. Si potrebbero citare anche la Fondazione Veronesi, le innumerevoli fondazioni bancarie, di famiglia o territoriali. Ognuna di queste, opera con diversi scopi che possono riguardare l’assistenza sanitaria dei più bisognosi, la promozione delle attività artistiche, la ricerca sulle malattie e così via.

 

Chi può costituire una fondazione?

La costituzione di una fondazione non conosce limiti, ad esclusione di quelli comuni come essere maggiorenne ed avere cittadinanza italiana qualora si decida di costituirla in Italia. Ognuno può decidere di fondare un ente privato di tal genere, a patto che detenga il patrimonio minimo fissato per legge. Questo patrimonio minimo può oscillare in funzione di alcune considerazioni, per questo abbiamo deciso di dedicare un articolo a parte sul patrimonio delle fondazioni.

 

A quale professionista rivolgersi?

La Fondazione potrebbe essere un modo per investire il proprio patrimonio in qualcosa che abbia una pubblica utilità, promuovendo iniziative che fanno bene alla popolazione o a un territorio. Per l’argomento di oggi, se vuoi ottenere più informazioni e approfondire alcuni aspetti, ti consigliamo di entrare in contatto con un Notaio oppure un Avvocato. Entrambi potranno offrire maggiori delucidazioni sulle leggi che regolamentano questo particolare ente. Il Notaio inoltre è la figura di riferimento anche per la costituzione vera e propria di una fondazione. Non sottovalutare l’importanza di un Commercialista o di un Consulente Finanziario per il ruolo di supporto che possono offrire per la questione del patrimonio. Puoi entrare in contatto con ciascuno di loro semplicemente scaricando l’app di Know How. Una volta registrato potrai fare tutte le domande che vuoi, ai professionisti di tua scelta.

Tag

FondazioneStatutoAtto Costitutivopatrimonio

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di ASSOCIAZIONI

Dal 15 giugno contributi per ASD/SSD

di Luca Domenico Chiacchiari
12 giugno 2020
Covid-19, Fondo Perduto, Contributi
Contributi, bonus e aiuti per ASD/SSD

di Luca Domenico Chiacchiari
25 maggio 2020
Covid-19, Associazione Sportiva, ASD
25000 euro a tasso zero per ASD/SSD

di Luca Domenico Chiacchiari
21 maggio 2020
Covid-19, ASD, SSD