Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / La compravendita di criptovalute: è giusta l'esenzione IVA?

La compravendita di criptovalute: è giusta l'esenzione IVA?

La compravendita di criptovalute: è giusta l

Il tema delle criptovalute, a prescindere che si tratti di Bitcoin oppure di una delle tante altre monete virtuali, sta diventando sempre più centrale. Per questo è importante soffermarsi il più possibile su questioni di natura fiscale, sia per i privati che per le società.



Il tema, nonostante sia sempre più dibattuto, resta ancora piuttosto confuso. Per questo motivo può essere utile analizzare sentenze, interpelli o altri documenti che nel corso degli anni sono stati prodotti all’interno di Enti e Istituzioni statali. Oggi ci soffermiamo sull'esenzione IVA per le società che si occupano di intermediazione nella compravendita di monete virtuali.

È interessante, da questo punto di vista, entrare nel merito della Risoluzione Numero 72/E dell’Agenzia delle Entrate del 2016, che chiarisce alcuni aspetti di interesse per chi voglia aprire una società di mediazione per l’acquisto e la vendita di criptovalute.

Le problematiche più rilevanti, nello specifico, riguardano il corretto trattamento IVA da applicare alle operazioni di acquisto e vendita di monete virtuali e l’eventuale obbligo, per la società, di sottostare agli adempimenti in qualità di sostituto d’imposta.

Ma da cosa nascono i dubbi? I dubbi si legano sicuramente all’utilizzo attuale dei Bitcoin, che rappresentano solo una delle innumerevoli tipologie di criptovaluta disponibili sul mercato. Il principio di fondo dei Bitcoin è la loro accettazione come moneta alternativa a quella tradizionale e avente corso legale. Quindi l’utilizzo delle criptovalute per il pagamento di beni e servizi avviene, per ora, sulla base di un reciproco rapporto di fiducia tra due o più parti coinvolte.

Tutto ciò avviene all’interno di un processo che è interamente virtuale ma non meno reale: infatti le criptovalute non hanno natura fisica ma esclusivamente digitale e sono identificate mediante codici crittografici calcolati da complessi algoritmi.

Ed è lo scambio dei codici crittografici che consente, concretamente, l’acquisto e la vendita delle monete virtuali, quando le criptovalute sono acquistate per fini speculativi, oppure per il pagamenti di beni e servizi.

In merito all’attività speculativa sulla compravendita di criptovalute, la Corte Europea ha stabilito che tali operazioni sono classificabili come operazioni relative a divise, banconote e monete con valore liberatorio, come da articolo 135, lettera e della 2006/112/CE, e in quanto tali sono esenti dal pagamento dell’IVA.

Per maggiore chiarezza, va specificato che in caso di intermediazione societaria nella compra vendita di cripto valute, il guadagno per la società è dato dalla differenza tra quanto anticipato dal cliente per l’acquisto, per esempio, di bitcoin, e quanto speso dalla società per l’acquisto delle medesima moneta. In sostanza parliamo delle commissioni sulle transazioni, le quali, appunto sono esenti IVA.

Questo valore, è ascrivibile ai ricavi caratteristici di esercizio dell’attività, quindi contribuiscono alla formazione della materia imponibile soggetta a tassazione IRES o IRAP.

Ma come deve comportarsi la società in merito alla sostituzione d’imposta? L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che una società che voglia svolgere lavoro di intermediazione nella compravendita di cripto valute, non è obbligata ad assumere il ruolo di sostituto d’imposta, ma semmai è obbligata a fornire la documentazione sulla propria clientela laddove richiesto dalle autorità giudiziarie.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.