Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Importazione di merci per Covid-19: esenzione su iva e dazi

Importazione di merci per Covid-19: esenzione su iva e dazi

Importazione di merci per Covid-19: esenzione su iva e dazi

L’Unione Europea ha stabilito le condizioni per ottenere l’esenzione sui dazi doganali e sull’iva per le merci importate e che rientrano tra quelle utili per fronteggiare la pandemia da covid-19, stabilendo una proroga proprio sull’esenzione già in essere.



Quali sono i requisiti delle merci esenti?

Devono rispettare tutti i seguenti requisiti:

  1. Distribuzione gratuita a favore di coloro colpito o soggetti ad essere colpiti dal Covid;
  2. Distribuzione gratuita a coloro che lavorano per contrastare la diffusione del virus;
  3. Le merci sono importate per l’immissione in libera pratica da o per conto di organizzazioni pubbliche, compresi gli enti statali, gli organismi pubblici e altri organismi di diritto pubblico oppure da o per conto di organizzazioni autorizzate dalle autorità competenti degli Stati membri.

Quali categorie di merci sono esenti?

Sono esenti da IVA e dazi doganali le merci che sono destinate a zone colpite da eventi calamitosi, come nel caso del Covid-19

Fino a quando sarà in vigore l’esenzione?

Il termine ultimo per godere dell’esenzione è stato spostato al 31 dicembre 2021

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.