Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Il Geoblocking per l'e-commerce: che cos’è?

Il Geoblocking per l'e-commerce: che cos’è?

Il Geoblocking per l

Fino a circa due anni fa, il geoblocking era una procedura ancora molto comune nell’ambito dell’E-Commerce, cosa che non permetteva di fruire completamente delle enormi potenzialità offerte dalla vendita online. Vediamo di cosa si tratta e cosa è cambiato negli ultimi anni.



Che cos’è il geblocking?

Il geoblocking è una procedura informatica che vietava la vendita online di prodotti a favore di coloro che non risiedevano nella nazione del venditore. Se, ad esempio, un italiano vuole acquistare un paio di sci da un rivenditore online con sede legale in Germania, la procedura gli è impedita proprio in virtù del geoblocking.

È ancor in vigore la norma?

No, la norma è stata abolita il 3 dicembre del 2018. Quindi, almeno per quanto riguarda le operazioni all’interno dell’Unione Europea, è vietato impedire la vendita di prodotti a favore di clienti che risiedono in nazioni differenti rispetto a quella del venditore.

È vero che il geoblocking riguarda anche il pagamento con carte bancarie straniere?

Sì, infatti oltre alle limitazioni imposte a coloro che non risiedono nel paese del venditore, il geoblocking ha effetti anche sull’uso di carte bancarie non appartenenti al paese del venditore. Anche in questo caso la norma è stata eliminata per le vendite all’interno dell’Unione Europea.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.