Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Fondo per i conti dormienti: come ottenerne la restituzione

Fondo per i conti dormienti: come ottenerne la restituzione

Fondo per i conti dormienti: come ottenerne la restituzione

Il Fondo per i rapporti dormienti è stato istituito nel 2010 d parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, e la gestione è stata affidata a Consap, che ha il compito di elaborare le domande dei cittadini italiani.



Che cos’è il Fondo per i rapporti dormienti?

Si tratta di un fondo di salvaguardia, attraverso il quale la Consap può evadere quelle domande arrivate da parte di cittadini che reclamano il recupero di prodotti finanziari dormienti, ad esempio conti correnti su cui non sono state eseguite operazioni per un certo arco di tempo.

Chi può richiedere la restituzione?

Ovviamente i titolari dei rapporti aventi a oggetto depositi di somme di denaro oppure di strumenti finanziari. Poi possono richiederlo anche gli eredi o comune gli aventi causa. Se la richiesta è su assegni circolari, anche in questo caso la richiesta può arrivare da parte degli ordinanti e dagli aventi causa.

Che succede se vi sono più eredi?

È possibile presentare domanda senza alcun problema ma a patto che il richiedente sia munito di delega sia per presentare la domanda a nome di terzi, sia per incassare la somma. In quest’ultimo caso la delega dev’essere autenticata da un notaio oppure dagli uffici comunali competenti.

Come avviene la presentazione della domanda?

Preferibilmente per via telematica, accedendo al portale unico. Altrimenti è possibile inviare la domanda direttamente alla Consap tramite raccomandata postale. È importante che la domanda sia completa di tutto il necessario altrimenti non è possibile chiedere il rimborso.

In quali casi non è possibile ottenere il rimborso?

Il rimborso non è possibile qualora ci si trovi nel caso di contratti di assicurazione vita, oppure nel caso di buoni fruttiferi postali non riscossi entro il termine di prescrizione decennale, in caso di beneficiari di assegni circolari che abbiano superato il tempo di prescrizione di 3 anni o, infine, nel caso di ordinanti di assegni circolari per cui sia sopraggiunto il termine di prescrizione di 10 anni.

La prescrizione agisce anche sugli italiani residenti all’estero?

Sì, anche per loro, qualora si tratti di conti dormienti, la prescrizione è di 10 anni.

Quando cessa di essere dormiente un conto?

Eseguendo un qualsiasi movimento sul conto, sia da parte dell’intestatario che da parte dei delegati.

Dopo quanti anni diventa dormiente un conto?

Il conto diventa dormiente se non sono eseguite operazioni per almeno dieci anni. Vale ricordare che la legge non obbliga le banche e gli istituti finanziari in genere ad avvisare i legittimi possessori.

Dove finiscono i soldi dei conti dormienti?

Diventano di proprietà dello Stato.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.