Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa: le novità

Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa: le novità

Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa: le novità

Il Fondo di Garanzia per la prima casa, gestito da Consob, è stato istituito nel 2013 ma è di recente che si è tornato a parlare di questo importante strumento per via del Decreto Sostegni Bis che lo ha rifinanziato, lo scorso mese di maggio.



A chi si rivolge il Fondo?

Il Fondo si rivolge a tutti i cittadini che al momento della presentazione della domanda non siano già intestatari di altri immobili, anche all’estero.

Ho ereditato un appartamento, posso accedere al Fondo?

Sì ma a patto che l’immobile sia ceduto a uso gratuito a favore di genitori o fratelli.

C’è un limite sul finanziamento richiedibile?

Sì, il Fondo copre finanziamenti fino a 250 euro.

In cosa consiste la garanzia?

Il Fondo offre una garanzia pubblica pari al 50% del finanziamento richiesto, con controgaranzia dello Stato.

Posso recarmi in banca con anche un’altra garanzia?

No, non è possibile in quanto l’accesso al Fondo non ammette la presenza di più garanzie, quindi parte mutuataria e parte datrice di ipoteca devono sempre coincidere quando si accede al Fondo.

Ci sono limiti di età per l’accesso al Fondo?

No, l’acceso al Fondo non conosce né limiti di età, né limiti legati alla composizione familiare.

Quali sono i requisiti dell’immobile?

Semplicemente dovrà essere adibito ad abitazione principale e non dovrà appartenere alle seguenti categorie catastali:

  1. A1;
  2. A8;
  3. A9.

Oppure essere considerato un immobile di lusso.

Quali sono le novità introdotte con il Decreto Sostegni Bis?

La principale novità è l’aumento della percentuale posta a garanzia che dal 50% è elevata fino all’80%. Ma solo per alcune categorie di cittadini. Infatti il requisito principale è che il mutuo deve coprire oltre l’80% del costo dell’immobile, e che l’isee del richiedente non sia superiore a 40 mila euro annui. Inoltre è necessario appartenere a una delle seguenti categorie prioritarie:

  1. Coppia coniugata ovvero convivente more uxorio da almeno due anni, in cui almeno uno dei richiedenti non abbia compiuto trentasei anni.
  2. Famiglia monogenitoriale con figli minori, il mutuo è richiesto da: Persona singola non coniugata, né convivente con l’altro genitore di nessuno dei propri figli minori con sé conviventi oppure Persona separata/divorziata ovvero vedova, convivente con almeno un proprio figlio minore
  3. Giovani che non abbiano compiuto trentasei anni.
  4. Conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari, o comunque denominati.

È vero che è previsto anche un massimale sul tasso?

Sì, il Decreto Sostegni Bis, per coloro che rientrano nelle categorie di cui al quesito precedente, ha stabilito un tasso calmierato del finanziamento ovvero che “il tasso effettivo globale (TEG) non può essere superiore al tasso effettivo globale medio (TEGM), pubblicato trimestralmente dal Ministero dell’economia e delle finanze ai sensi della legge 7 marzo 1996, n.108”.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.