Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Fondo Aree Interne: contributi a agevolazioni per le PMI

Fondo Aree Interne: contributi a agevolazioni per le PMI

Fondo Aree Interne: contributi a agevolazioni per le PMI

Il Fondo Aree Interne è istituito per dare sostegno alle imprese residenti in Comuni considerati perifferici o ultraperiferici. Quali sono i requisiti che l'impresa deve possedere? Quali sono le spese ammissibili? Son previsti contributi a fondo perduto? Vale anche per la digitalizzazione?



Nel mese di Dicembre in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale N. 302), sono state pubblicate le prime indicazioni sulle modalità operative del Fondo Aree Interne, il cui scopo è dare sostegno alle imprese delle aree più disagiate del paese.

Quali sono i Comuni interessati?

Sono oltre 3000 i Comuni interessati dal Fondo Aree Interne, le cui caratteristiche sono quelle di occupare posizioni geografiche considerate svantaggiate, periferiche o ultra periferiche. La lista, lunghissima, è già disponibile in Gazzetta Ufficiale.

Quali imprese potranno usufruire delle agevolazioni?

Le agevolazioni saranno accessibili a tutte le PMI.

Quali sono i requisiti per le imprese?

Le imprese dovranno possedere pochi ma chiari requisiti. Nello specifico si tratta di:

  1. Svolgere attività economica sul territorio del Comune, oppure avviare una nuova attività sul medesimo territorio;
  2. Essere regolarmente iscritte al registro delle imprese;
  3. Non essere in stato di fallimento, liquidazione, concordato preventivo o procedura fallimentare.

In cosa consistono le agevolazioni?

Gli aiuti, in regime De Minimis, possono consistere in contributi a fondo perduto o in conto capitale.

Quali sono le spese ammissibili?

Le agevolazioni possono essere richieste per le spese di gestione oppure iniziative che agevolano la ristrutturazione, l’ammodernamento, l’ampliamento per innovazione di prodotto e di processo di attività artigianali e commerciali. Acquisto di macchinari, impianti, arredi e attrezzature varie, per investimenti immateriali, per opere murarie e impiantistiche necessarie per l’installazione e il collegamento dei macchinari e dei nuovi impianti produttivi.

Le agevolazioni potranno interessare anche le attività online?

Sì, infatti tra le spese sostenibili sono incluse le innovazioni tecnologiche indotte dalla digitalizzazione dei processi di marketing on-line e di vendita a distanza.

Per quali anni si applicano le agevolazioni del Fondo Aree Interne?

Il Fondo interverrà per ciascuno degli anni che vanno dal 2020 al 2022. Si tratta quindi di un triennio.

Come saranno ripartiti i fondi?

I contributi sono assegnati ai Comuni proporzionalmente al numero di abitanti e in funzione del loro livello di perifericità. Quest’ultimo passaggio sta a significare che i Comuni più svantaggiati, per posizione geografica, posso contare su un sostegno maggiore.

C’è un limite demografico per i Comuni?

Sì, al momento il limite è fissato a 5000 abitanti.

Cosa succede se un Comune non utilizza tutti i fondi?

Il Ministero del Sud può attuare una revoca dei contributi e quanto revocato torna nuovamente nelle disponibilità del Fondo.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.