Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Fondo 394 per l'internazionalizzazione: nessuna garanzia richiesta

Fondo 394 per l'internazionalizzazione: nessuna garanzia richiesta

Fondo 394 per l

Il Fondo 394 per l’internazionalizzazione delle imprese è stato introdotto con la Legge 133 del 2008 ed è ancora oggi un’importante strumento per sostenere la competitività delle aziende italiane sui mercati esteri. Per il 2020 ci sono importanti novità.



Nel 2008 il MISE ha introdotto un nuovo strumento il cui scopo era di incentivare l’internazionalizzazione delle imprese italiane, sostenendo gli investimenti che potevano essere utili ad ampliare il proprio mercato attraverso una maggiore competitività con l’estero, in particolare al di fuori dell’Unione Europea.

Le spese ammissibili per il Fondo 394?

Le agevolazioni finanziarie previste all’articolo 6 del Fondo 394 sono tutte in regime De Minimis e possono essere richieste per sostenere le seguenti iniziative:

  1. Lancio e diffusione di nuovi prodotti o servizi oppure acquisizione di nuovi mercati per il lancio di prodotti o servizi già esistenti, anche attraverso l’apertura di nuove strutture utili a consolidare la presenza su un certo mercato;
  2. Studi di prefattibilità e fattibilità per investimenti italiani all’estero o anche programmi di assistenza tecnica collegati ai medesimi investimenti;
  3. Altri interventi prioritari definiti dal Comitato interministeriale per la programmazione economica.

Il punto 3 è stato integrato con il Decreto del 2012 dove si stabiliscono altre 2 tipologie di spese ammissibili a favore dell’internazionalizzazione delle PMI:

  1. Finanziamenti agevolati a favore delle PMI che esportano, per migliorare la loro solidità patrimoniale;
  2. Finanziamenti agevolati a favore delle PMI per la realizzazione di iniziative promozionali per la prima partecipazione a fiere o mostre extra U.E.

La corretta declinazione di questi punti, da parte di esperti che si occupano di internazionalizzazione, consente di allargare la base di attività finanziabili in maniera agevolata. Ad esempio anche la realizzazione di un Marketplace per l’e-commerce rientra nelle azioni finanziabili se strategico ai fini dell’inserimento in un mercato estero.

Modalità e termini?

Il Fondo 394 consente di ottenere supporto in forma di finanziamento agevolato in regime De Minimis e si rivolge esclusivamente alle imprese italiane che hanno sede legale in Italia. Tali imprese possono presentarsi sia singolarmente sia come aggregazione di più imprese, rappresentate da un’azienda capofila.

Le azioni devono essere realizzate in paesi al di fuori dell’Unione Europea. Ogni domanda presentata può riguardare uno solo dei paesi extra U.E., fermo restando che secondo la regola delle agevolazioni in De Minimis ogni impresa può presentare più di una domanda.

Le agevolazioni possono coprire fino all’85% delle spese da sostenere.

La novità del 2020 sulle garanzie?

In seguito all’emergenza coronavirus, per il 2020 è stata introdotta un’importante novità che riguarda le garanzie da fornire per la richiesta di finanziamento. Per tutte le domande presentate entro il 31 dicembre 2020 e deliberate a partire dal 26 maggio 2020, infatti, vale l’esenzione sulla presentazione delle garanzie. Un aspetto, questo, che ulteriormente agevola il percorso delle imprese verso l’internazionalizzazione della propria attività.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.