Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Fisco ed erogazioni liberali: cosa c’è da sapere

Fisco ed erogazioni liberali: cosa c’è da sapere

Fisco ed erogazioni liberali: cosa c’è da sapere

Le erogazioni liberali rappresentano un’importante introito per le ONLUS o le ONG che ne beneficiano, perché consentono loro di portare avanti gli scopi istituzionali, di grande valore sociale, anche in assenza di fondi pubblici, affidandosi al buon cuore dei privati. Quali agevolazioni?



Cosa vuol dire erogazione liberale?

Questo è il primo aspetto da prendere in considerazione. Erogazione liberale vuol dire che viene erogata una certa somma a favore di una certa organizzazione, in maniera del tutto volontaria. Si tratta di un aspetto importante perché ai fini fiscali è fondamentale che emerga il carattere liberale dell’erogazione per poter dedurre i costi dal proprio reddito complessivo.

Chi sono i soggetti che possono beneficiarne?

Le erogazioni liberali possono andare a favore di ONLUS, ONG, Enti Ecclesiastici, Cooperative Sociali, Consorzi, Associazioni di Promozione Sociale riconosciute dal Ministero dell’Interno

Le erogazioni liberali sono deducibili o detraibili?

È il contribuente che deve scegliere, fermo restando che una volta optato per la deduzione, questa si applica a tutte le erogazioni liberali, anche se queste avvengono a favore di più beneficiari.

È vero che si possono fare erogazioni in natura?

Sì certo, è vero. Ed è altrettanto vero che anche le erogazioni sotto forma di beni si possono dedurre. In questo caso è necessario individuare un controvalore economico, anche qualora si tratta di beni difficilmente oggettivabili, come può essere un’opera d’arte.

Perché è importante che il beneficiario sia in regola?

Questo è un aspetto poco considerato ma di grande importanza. In pochi, infatti, sanno che la corretta gestione dell’ente beneficiario dell’erogazione liberale incide anche sul beneficio fiscale di chi eroga il denaro o i beni. Se, infatti, il beneficiario non tiene delle scritture contabili che dimostrano chiaramente l’andamento della gestione e se entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio non redige un documento che dimostra con chiarezza la situazione economica, patrimoniale e finanziaria, allora il soggetto erogante può perdere i benefici fiscali della deduzione.

È prevista una multa nel caso dichiaro più del dovuto?

Certo, se il soggetto erogante dovesse dichiarare più di quanto gli spetta di deduzione, vi è una sanzione maggiorata del 200% rispetto a quella prevista dalla legge.

Posso ottenere la deduzione se pago in contanti?

No, su questo la normativa è molto chiara: i pagamenti delle prestazioni portate in deduzione o detrazione in fase di dichiarazione dei redditi, devono essere eseguiti con strumenti tracciabili.

Quanto è possibile portare in deduzione?

Se l’erogazione è a favore di una ONLUS, è possibile dedurre il 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque non oltre i 70.000 euro annui. Se ad esempio il reddito del contribuente è di 20.000 annui, potrà dedurre fino a 2.000 euro. Se, invece, l’erogazione è a favore di una ONG, la deduzione può andare dal 2 al 26%.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.