Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Fare Impresa nell'indotto: gli articoli tecnici

Fare Impresa nell'indotto: gli articoli tecnici

Fare Impresa nell

Quando si pensa di aprire una nuova attività di produzione di beni, il pensiero va alla realizzazione di prodotti finiti. Eppure, al fianco di aziende che realizzano prodotti finiti, esiste un sottobosco di imprese che realizza componenti imprescindibili meglio noti come Articoli Tecnici.



L’attività di impresa, in particolare a livello industriale, si regge anche su una stretta collaborazione tra le diverse aziende. Accade spesso, del resto, che la costruzione di determinati prodotti richieda l’assemblaggio di un certo numero di parti, e che la produzione di questi componenti sia demandata, appunto, ad altre imprese. Si tratta di un processo molto comune, che spesso viene espresso con l'anglosassone outsourcing e che in Italia rientra nel più generico concetto di "indotto"

Che cos'è l'indotto?

Si tratta di una parola che sicuramente ognuno avrà sentito almeno una volta nella vita. Indica l'insieme di aziende che lavorano in partnership con altre aziende, per le quali realizzano beni, oppure offrono servizi, necessari alla loro continuità. Un esempio su tutti può essere un'impresa che costruisce automobili. Come prodotto finito, le automobili sono costituite da una serie lunga di singoli componenti (i tappetini, le maniglie in ferro, i cuscinetti delle ruote in acciaio, etc.) che difficilmente l'impresa di automobili realizzerà in maniera diretta e che, più probabilmente, delegherà ad altre imprese specializzate. Ecco, questa collaborazione, nel complesso dà vita all'indotto.

Esiste un indotto sia di beni che servizi?

Anche se nell'articolo in questione il focus è sull'attività di impresa orientata alla produzione di beni fisici, a titolo di completezza è bene precisare che l'indotto in cui si può inserire una nuova attività imprenditoriale può essere anche in merito alla fornitura di un servizio. Un esempio tipico, in questo senso, può essere la piccola impresa specializzata nella pulizia di macchinari industriali.


Cosa sono gli articoli tecnici?

In sostanza, si tratta di elementi di dimensioni ridotte che tuttavia svolgono un ruolo fondamentale per la costruzione di prodotti molto più complessi. In realtà, gli articoli tecnici possono sia essere adoperati all'interno di macchine industriali realizzate appositamente per la produzione di beni finiti, sia essere parte di questi stessi beni finiti. Dal momento che la loro realizzazione richiede l’utilizzo di attrezzature particolari, ecco che la scelta ricade spesso sull’esternalizzazione della loro produzione, quello che gli inglesi chiamano outsourcing. In caso contrario l'azienda dovrebbe accollarsi l'investimento e il rischio per l'acquisto e l'utilizzo di tanti diversi macchinari.

Quali sono questi articoli tecnici?

La lista potrebbe essere veramente molto lunga, per questo è meglio intendere il concetto di articoli tecnici come un grande contenitore, nel quale trovano posto numerosi articoli realizzati in diversi materiali. Come i rulli gommati, ad esempio, oppure i cuscinetti a sfera, o anche i cilindri in poliuretano, le rondelle, i distanziatori, i piedini, le maniglie, etc. etc. Si tratta soltanto di una lista parziale, tutt’altro che esaustiva visto che l’applicazione degli articoli tecnici è talmente vasta da non consentire un elenco definitivo. L’importante è ricordare che si tratta di componenti più o meno grandi, le cui dimensioni dipendono dall’ambito di applicazione.

Con quali materiali si realizzano?

Quest’ultimo aspetto, ovvero l’ambito di applicazione degli articoli tecnici, determina anche la scelta dei materiali con cui realizzarli. È vero che spesso gli articoli tecnici prediligono un materiale piuttosto che altri, magari per ragione di costi oppure di adattabilità. La gomma, ad esempio, è molto impiegata in questo genere di lavorazioni. Tuttavia, anche per completezza di informazioni è bene sottolineare che gli articoli tecnici possono essere in ferro, in acciaio inox, in zinco oppure in poliuretano e altri materiali plastici, in pvc e così via. È spesso avviene che anche una medesima tipologia di prodotto venga realizzato in diverse versioni che si differenziano proprio per il materiale adoperato: ad esempio i rulli, molto adoperati nell'industria per il movimento delle parti sui tavoli delle linee di produzione, possono essere in gomma, oppure in acciaio inox o anche in ferro fino ad arrivare al poliuretano e alla gomma piuma, a secondo del tipo di elementi che deve far muovere sul piano, più o meno delicati.

In quali ambiti si usano gli articoli tecnici?

Come accennato in precedenza, ciò che influisce sulla scelta dei materiali è il contesto in cui il materiale tecnico verrà utilizzato. L'analisi dei contesti di applicazione, ci dice molto anche sul tipo di impresa che potresti andare a costituire, ad esempio se orientata a soddisfare le necessità di aziende più o meno grandi. Se si pensa a un classico articolo quale può essere il rullo, questo viene realizzato in ferro se adoperato su piani di lavoro che devono far scorrere fogli di acciaio. Oppure viene realizzato in gomma piuma o poliuretano se, ad esempio, deve garantire lo scorrimento di prodotti più leggeri e delicati come potrebbero essere dei fogli di carta di notevoli dimensioni. Quando si parla di applicazione degli articoli tecnici, c'è un'altra distinzione da fare. Questi prodotti, infatti, si possono utilizzare sia come componenti all'interno di macchine industriali studiate per la produzione di beni, sia come elementi che completano il bene stesso. Ad esempio, i piedini in acciaio inox possono essere di completamento a un tavolino in vetro, ma allo stesso tempo dei rulli rivestiti in gomma possono essere adoperati per muovere le lastre di vetro sulla linea di produzione dei medesimi tavolini.

Quali sono gli adempimenti per un'impresa di articoli tecnici?

I medesimi di qualsiasi altra azienda: aprire una posizione IVA, costituire una società scegliendo la forma più adatta agli scopi e alle condizioni di partenza, individuare un settore con il relativo codice ateco, predisporre un business plan, e ragionare sugli investimenti da dover sostenere.

Posso accedere a forme di finanziamento?

Certo, esistono molte possibilità che agevolano l'apertura di una nuova impresa, in particolare se si decide di aprire un'azienda in qualche Regione del sud, se si è giovani oppure se al'interno del management vi è un'importante quota femminile.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.