Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Esonero contributivo per assunzione di donne

Esonero contributivo per assunzione di donne

Esonero contributivo per assunzione di donne

In accordo con il Temporary Framework, l'INPS ha chiarito il funzionamento dell'esonero contributivo a favore delle aziende che assumono donne lavoratrici. Su quali contratti si applica l'esonero? Quali annualità copre? Quali sono le aziende che possono accedere? Quali sono i requisiti?



La circolare numero 32 dell’INPS, dello scorso 22 febbraio 2021, ha chiarito le modalità di accesso e il funzionamento dello sgravio contributivo per l’assunzione di donne da parte delle aziende, in accordo con quanto stabilito nel Temporary Framework della Commissione Europea.

A quali aziende si rivolge?

A tutti i datori di lavoro privati, anche non imprenditori, quindi compresi i datori di lavoro del settore agricolo. A questi si aggiungono anche i seguenti beneficiari:

  1. Gli enti pubblici economici;
  2. Gli Istituti autonomi case popolari trasformati in base alle diverse leggi regionali in enti pubblici economici;
  3. Gli enti che per effetto dei processi di privatizzazione si sono trasformati in società di capitali, ancorché a capitale interamente pubblico;
  4. Le ex IPAB trasformate in associazioni o fondazioni di diritto privato, in quanto prive dei requisiti per trasformarsi in ASP, e iscritte nel registro delle persone giuridiche;
  5. Le aziende speciali costituite anche in consorzio;
  6. I consorzi di bonifica;
  7. I consorzi industriali;
  8. Gli enti morali;
  9. Gli enti ecclesiastici.

Per quali lavoratrici posso chiedere l’esonero sui contributi?

L’esonero può essere richiesto per le donne lavoratrici svantaggiate, ovvero:

  1. Donne con almeno cinquant’anni di età e disoccupate da oltre dodici mesi;
  2. Donne di qualsiasi età, residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti nell'ambito dei fondi strutturali dell'Unione europea prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi;
  3. Donne di qualsiasi età che svolgono professioni o attività lavorative in settori economici caratterizzati da un’accentuata disparità occupazionale di genere e prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi;
  4. Donne di qualsiasi età, ovunque residenti e prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi.

Vi è l’obbligo di un certo tipo di contratto?

L’esonero è previsto per assunzioni a tempo determinato e indeterminato oppure per la trasformazione a tempo indeterminato di un precedente contratto di lavoro agevolato. L’esonero si applica anche nel caso di contratti part-time.

Su quali annualità si applica l’esonero contributivo?

L’esonero si applica sulle annualità 2021 e 2022. Tuttavia va precisato che la durata dell’esonero varia in funzione del tipo di contratto. L’incentivo può essere riconosciuto per massimo 12 mesi in caso di contratto a tempo determinato o proroga di un contratto della medesima categoria, e per massimo 18 mesi in caso di contratto a tempo indeterminato oppure per la trasformazione in indeterminato di un contratto a termine già agevolato.

Quanto posso ottenere di esonero?

L’esonero si applica sul 100% dei contributi fino a un massimo di 6.000 euro per singola lavoratrice e per ogni singolo anno.

L’esonero si applica su tutte le voci contributive?

No, sono escluse dall’esonero le seguenti voci:

  1. Il contributo, ove dovuto, al Fondo per l’erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto;
  2. Il contributo, ove dovuto, ai Fondi di cui agli articoli 26, 27, 28 e 29 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148;
  3. Il contributo destinato al finanziamento dei Fondi interprofessionali.

Vanno, inoltre, escluse dall’applicazione dell’esonero le contribuzioni che non hanno natura previdenziale e quelle concepite allo scopo di apportare elementi di solidarietà alle gestioni previdenziali di riferimento.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.