Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Due prime case in due comuni diversi: niente agevolazioni IMU

Due prime case in due comuni diversi: niente agevolazioni IMU

Due prime case in due comuni diversi: niente agevolazioni IMU

Una recente sentenza della Cassazione ha ribaltato il parere espresso dal MEF nel 2012 in merito al pagamento dell'IMU sulle doppi case intenstate a coniugi differenti. Quali sono le conseguenze della nuova decisione? Cosa ha stabilito la sentenza del 2020? E qual era l'orientamento?



Abbiamo affrontato più volte il tema dell’IMU applicato a due prime case possedute ciascuna da un coniuge. Torniamo sul tema per illustrare una sentenza della Corte di Cassazione, la numero 20130 del 24 settembre 2020, che ha ribaltato la tradizionale lettura di una situazione come quella di due coniugi, due prime case.

Cosa ha stabilito la nuova sentenza della Cassazione?

La recente sentenza della Cassazione ha stabilito che non va riconosciuta alcuna agevolazione qualora la famiglia risulti divisa, tra residenza principale e domicilio, in due immobili che insistono su due comuni diversi.

Come funzionava fino alla sentenza del 2020?

Prima di questa sentenza, si era espresso il Ministero dell’Economia e delle Finanze con la circolare n. 3 del 2012, e aveva stabilito che nel caso di componenti dello stesso nucleo familiare che hanno stabilito la residenza e la dimora abituale in due abitazioni che si trovano su due comuni differenti, era possibile considerare entrambi gli immobili come abitazione principale, con tutte le agevolazioni IMU che ne conseguono.

Quali erano i requisiti fissati dalla circolare del 2012?

Il requisito è la reale esigenza di dover trasferire la dimora abituale altrove, ad esempio per cause di lavoro.

Quali sono le conseguenze della sentenza della Cassazione?

Innanzitutto l’impossibilità di usufruire dell’agevolazione IMU su più di una casa, inoltre la possibilità che gli enti territoriali procedano al recupero dell’IMU sull’abitazione posta in altro comune e su quella posta nel comune dove ha mantenuto la residenza la restante parte della famiglia.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.



Tags

IMU


L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.