Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Dogane: obbligo di eDAS per le imprese che trasportano benzina e gasolio

Dogane: obbligo di eDAS per le imprese che trasportano benzina e gasolio

Dogane: obbligo di eDAS per le imprese che trasportano benzina e gasolio

Cambia il modo di tracciare il movimento di benzina, gasolio e oli lubrificanti. Obbligatorio per le imprese mettersi in regola entro il 1° ottobre. Quali informazioni deve contenere il documento digitale? Sarà possibile comunicare in forma privata? Quando termina l'utilizzo del cartaceo?



Le imprese che si occupano del commercio di benzina, gasolio e alcuni tipi di olii lubrificanti, dal 1 Ottobre 2020 devono obbligatoriamente mettersi in regola con il documento informatizzato del DAS, acronimo di Documento di Accompagnamento Semplificato.

Cosa deve contenere l’eDAS?

Una serie di informazioni che consentano di ricostruire la storia del carico. Nello specifico, il documento dovrà riportare i seguenti dati:

  1. Codice di accisa o codice ditta del deposito da cui è partita la merce;
  2. Peso a vuoto del mezzo e peso netto del carico;
  3. Denominazione commerciale e codici NC e CPA del prodotto trasportato;
  4. Numero identificativo e data della fattura elettronica;
  5. Partita IVA del primo vettore, targa del mezzo e denominazione del primo incaricato al trasporto;
  6. Durata del tragitto, comunque non superiore a 18 ore.

Cosa è cambiato con il passaggio al sistema informatizzato?

Sostanzialmente è cambiata la modalità di presentazione del documento. Fino alla versione digitale, il DAS veniva presentato in forma cartacea, ora questo non è più possibile.

Fino a quando si potrà utilizzare la versione cartacea?

La versione cartacea è stata autorizzata fino al 1 ottobre, data entro la quale tutti i soggetti interessati erano chiamati a provvedere per l’adeguamento. È pur vero che il nuovo sistema sta incontrando non poche difficoltà.

È vero che l’Agenzia delle Entrate ha rilasciato una web app per la comunicazione tra speditore e trasportatore?

Attenzione, qui la risposta è duplice. Infatti, è vero che la comunicazione tra i due soggetti dovrà avvenire attraverso una piattaforma specifica realizzata su misura dall’Agenzia delle Entrate (in sostituzione delle conversazioni private) ma è altrettanto vero che ad oggi, data dell’articolo, quest’applicazione non risulta ancora ultimata.

Cosa vuol dire “silenzio e assenso” sul eDAS?

È il risultato di una recente risposta da parte dell’Agenzia delle Entrate rispetto alla situazione di chi non è stato in grado di mettersi in regola con il nuovo documento digitale. Il silenzio assenso valeva per coloro che avessero avuto problemi con le comunicazioni elettroniche. L’Agenzia ha avviato la procedura informatica anche per coloro che non hanno risposto, prevedendo un’autorizzazione retroattiva.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.



Tags

eDAS


L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.