Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Discoteche, palestre, teatri e altri: i nuovi contributi

Discoteche, palestre, teatri e altri: i nuovi contributi

Discoteche, palestre, teatri e altri: i nuovi contributi

Si era parlato di contributi alle diverse attività impossibilitate a lavorare già ai tempi del Decreto Sostegni Bis. Poi non si è saputo più nulla. Fino a oggi, quando pare che le cose si siano rimesse in moto.



A chi si rivolge il contributo?

Il Decreto Sostegni Bis aveva individuato quali erano le attività che avrebbero potuto contare sui contributi statali qualora non avessero avuto la possibilità di lavorare. E così è stato. Le attività interessate sono le seguenti:

  1. Discoteche;
  2. Sale da ballo;
  3. Catering;
  4. Fiere congressi;
  5. Palestre;
  6. Piscine;
  7. Sale giochi;
  8. Centri sportivi;
  9. Cinema;
  10. Musei;
  11. Parchi tematici;
  12. Teatri;
  13. Impianti di risalita.

A quanto ammonta in Fondo?

Attualmente il fondo dovrebbe essere di 140 milioni di euro.

Perché alcune attività sono escluse?

Perché i contributi si rivolgono soltanto a quelle attività che hanno continuato a restare chiuse per legge dello Stato.

Quanti mesi di chiusura sono richiesti?

Inizialmente per accedere al contributo erano necessari 4 mesi di chiusura. Poi sono stati ridotti a 100 giorni.

Che tipo di contributo sarà?

Sarà un contributo a fondo perduto in regime de minimis.

Quanto spetta a ciascuna impresa?

Premesso che il contributo varia in funzione del tipo di attività, vale precisare che esiste un massimale per discoteche e sale da ballo che arriva fino a 25.000 euro, mentre per tutte le altre è di 12.000 euro.

È vero che esiste un contributo minimo per tutti?

Alla data del presente articolo effettivamente esiste questa eventualità di un contributo minimo pari a euro 3.000. Si tratta di vedere se sarà confermato.

Come si presenterà la domanda?

La presentazione della domanda avverrà esclusivamente per via telematica e con autocertificazione dei requisiti.

Quali sono le scadenze per la presentazione della domanda?

Al momento non sono state ancora fissate e si attende il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.