-->

Dichiarazione di conformità: che cos'è e a cosa serve

di Redazione

in AZIENDA
Tempo di lettura: 2 min

Il consumatore finale ha il diritto di sapere che i prodotti acquistati sia conformi ai requisiti minimi di sicurezza e produzione. Per questo motivo le aziende predispongono la Dichiarazione di Conformità. Ne parliamo nell'articolo evidenziando di chi è la responsabilità.

Condividi su

La maggior parte dei nuovi prodotti disponibili oggi in commercio deve essere fornita agli utenti finali con un certificato noto come Dichiarazione di conformità. Questo documento deve contenere informazioni chiave tra cui: il nome e l'indirizzo dell'organizzazione che si assume la responsabilità del prodotto, la descrizione dello stesso e le direttive sulla sicurezza a cui è conforme. Nello specifico può includere dettagli degli standard pertinenti utilizzati, ed essere datato e firmato da un rappresentante dell'organizzazione che lo immette sul mercato.

 

Che cos’è una Dichiarazione di conformità?

Con il nome di DICO in Italia si intende la Dichiarazione di Conformità, ovvero un atto formale di un produttore o prestatore di servizi in cui si attesta che un oggetto o un impianto (elettrico o idraulico) soddisfa tutti i requisiti delle direttive sulla sicurezza. Si tratta in sostanza di un segno tangibile che il bene è stato costruito o progettato nel rispetto degli standard nazionali ed europei. Una Dichiarazione di conformità non è però un certificato di qualità, né tantomeno una garanzia per la sicurezza. Tuttavia, se redatto correttamente insieme alla marcatura CE sul prodotto o sulla relazione scritta che fa seguito alla creazione di un qualsiasi tipo di impianto, può essere sfruttata per soddisfare i requisiti richiesti ad esempio da un’unità sanitaria locale, dalla catena di distribuzione e dal cliente finale a condizione che non vi siano evidenti difetti. Premesso ciò, va altresì aggiunto che i prodotti soggetti a più di una direttiva possono essere accompagnati sia da una sola Dichiarazione di conformità che da più di una in base al numero di elementi di cui si compone. Tuttavia, se si tratta di un prodotto marcato CE che è incorporato in un altro come ad esempio un dispositivo di sicurezza in una macchina, la Dichiarazione di conformità per il prodotto finale deve essere complessiva.

 

Quando deve essere fornita una Dichiarazione di conformità?

Per la maggior parte dei nuovi prodotti, la Dichiarazione di conformità deve accompagnarli fino all'utente finale. Un'eccezione a ciò è per le apparecchiature elettriche che rientrano nell'ambito di applicazione della Direttiva sulla bassa tensione 2006/95 / CE in cui vanno fornite informazioni chiave sul prodotto, e sebbene una Dichiarazione di conformità va redatta dal produttore o dal suo rappresentante autorizzato non deve necessariamente arrivare nelle mani dell'utente finale.

 

Cosa si deve dichiarare in una Dichiarazione di conformità?

I requisiti precisi sono specificati in ciascuna direttiva pertinente e in base al tipo di prodotto, ma essenzialmente le Dichiarazioni di conformità dovrebbero includere una serie di voci e campi che la nostra azienda è in grado di compilare e che nello specifico sono la ragione sociale e l’indirizzo completo del fabbricante o dell’eventuale rappresentante autorizzato. Per le macchine utensili o robot industriali invece il nome e l'indirizzo della persona autorizzata sono altresì indispensabili per redigere il fascicolo tecnico. Premesso ciò, la dichiarazione deve comprendere anche dei dati per l’identificazione del prodotto come ad esempio informazioni su modello, la tipologia e il numero seriale.

 

Cosa devi fare per ottenere la Dichiarazione di conformità?

Ci sono aziende che si occupano di fornire proprio questo tipo di servizio. Se tuttavia sei a conoscenza di prodotti per i quali non deve essere fornita una Dichiarazione di conformità come ad esempio le apparecchiature elettriche ai sensi della Direttiva Bassa Tensione, è necessario ottenerne comunque una prima di fornire il prodotto agli acquirenti. Questi ultimi devono a loro volta conservare la Dichiarazione di conformità in quanto fornisce una prova documentale che il prodotto è conforme ai requisiti di sicurezza applicabili a quando è stato immesso per la prima volta sul mercato o in uso, e quindi ha adempiuto al proprio dovere ai sensi delle normative vigenti.

 

A quale professionisti rivolgersi?

Per l’argomenti di oggi ti consigliamo di rivolgerti al Consulente Aziendale, il quale potrà supportarti nella giusta procedura da seguire per poter ottenere una Dichiarazione di Conformità. Ti ricordo che ci sono aziende che si occupano esattamente di questo servizio, per questo potrebbe non essere semplice scegliere in autonomia il giusto referente. Scaricando l’app di Know How e registrandoti, hai la possibilità di entrare in contatto con professionisti di 4 aree tematiche differenti, senza alcun tipo di costo o vincolo. È disponibile sia per iOS che per Android.

Tag

Dichiarazione di ConformitàDICO

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di AZIENDA