Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Cresci al sud: partecipazioni nel capitale di aziende del Mezzogiorno

Cresci al sud: partecipazioni nel capitale di aziende del Mezzogiorno

Cresci al sud: partecipazioni nel capitale di aziende del Mezzogiorno

Il sostegno alle imprese avviene in tanti modi: si parla spesso di contributi a fondo perduto ma è più interessante la modalità che prevede l'intervento nel capitale di rischio per una collaborazione a braccetto con la governance dell'impresa, così da trasferire anche il Know How aziendale.



Che cos’è Cresci al Sud?

È il nuovo strumento di Invitalia che intende offrire supporto alle imprese del sud Italia. Con questo strumento, che poi è un Fondo, vengono acquisiste partecipazioni, di minoranza, nel capitale di rischio di Piccole e Medie imprese di 8 Regioni italiane.

Quali sono le Regioni interessate?

Sono tutte Regioni del Sud Italia, e nello specifico sono le seguenti:

  1. Abruzzo;
  2. Basilicata;
  3. Calabria;
  4. Campania;
  5. Molise;
  6. Puglia;
  7. Sardegna;
  8. Sicilia.

Cosa finanzia il Fondo Cresci al Sud?

Il Fondo gestito da Invitalia intende favorire la crescita dimensionale delle aziende, quindi di riflesso andando a incentivare l’occupazione. E finanzia anche progetti di sviluppo. Questi obbiettivi possono essere raggiunti favorendo processi di acquisizione aggregazione.

Quali sono gli obbiettivi del Fondo?

In linea generale è quanto riportato nel quesito precedente. Tuttavia, per essere più precisi, si possono individuare i seguenti altri scopi;

  1. Stimolare il private equity nelle Regioni del Sud Italia;
  2. Accrescere le competenze degli imprenditori;
  3. Instaurare una partnership tra Invitalia e la governance per creare maggiore valore nell’impresa;
  4. Sostenere la crescita dimensionale e lo sviluppo dell’impresa.

Quali caratteristiche hanno le imprese target?

Si tratta di aziende che hanno un numero di dipendenti inferiore a 250, con un valore della produzione non inferiore a 10 milioni. Fatturato non superiore a 50 milioni e sede legale nelle Regioni cui abbiamo già accennato. Non sono ammesse società che presentano già una situazione di crisi.

Sono ammesse anche le imprese di nuova costituzione?

Sì, ma a patto che siano derivanti da operazioni di scorporo o aggregazioni di società già esistenti.

Come si accede al Fondo?

È sufficiente presentare la propria impresa direttamente a Invitalia, accedendo alle informazioni presenti nella seguente pagina: https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/cresci-al-sud/presenta-la-tua-impresa La domanda sarà valutata da Invitalia la quale potrà decidere autonomamente se interviene nel capitale della società.

Come avviene l’intervento di Invitalia?

Invitalia interviene direttamente nell’impresa per mezzo del Fondo, acquisendo:

  1. Azione, quote o titoli rappresentativi del capitale societario;
  2. Obbligazioni emesse dall’impresa candidata;
  3. Contratti di opzione;
  4. Qualsiasi altro strumento o titolo;
  5. Altri strumenti finanziari partecipativi.

A quanto ammonta l’intervento di Invitalia?

Invitalia può intervenire con un investimento compreso tra 1 e 10 milioni di euro.

Quanto durano gli investimenti?

Possono durare fino a 5 anni, anche per consentire il raggiungimento degli obbiettivi indicati nel piano di sviluppo.

Si tratta di un intervento pubblico o privato?

Il Fondo gestito da Invitalia è di natura pubblica, tuttavia è bene ricordare che questa può intervenire anche con una partecipazione al 50% di investitori privati.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.