Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali

Credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali

Credito d

Credito d'imposta per le imprese italiane che investono in beni mobili e immobili necessari per l'attività d'impresa. Qual è l'aliquota del credito? Quali sono i beni ammessi all'agevolazione? Cosa succede se lavoro principalmente con l'estero? In quanto tempo viene rateizzato il credito?



Ancora qualche mese di tempo per accedere ai finanziamenti previsti dalla Legge 160 del 2019 (Articolo 1 Comma da 185 a 197) che riconosce un credito d’imposta per investimenti in beni strumentali destinati a strutture produttive localizzate sul territorio italiano. La misura è attiva per tutte le imprese che formalizzano l’acquisto entro il 31 dicembre 2020.

A chi si rivolge la misura?

Possono accedere tutte le imprese residenti in Italia indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione, dal settore economico di appartenenza e dal regime fiscale di determinazione del reddito. Sono ammesse anche le stabili organizzazioni di soggetti non residenti.

La mia impresa non è in regola con i contributi, è un problema?

Si, perché tra gli altri requisiti che l’azienda deve dimostrare, bisogna menzionare anche:

  1. Il rispetto della normativa sulla sicurezza sul lavoro;
  2. Il corretto adempimento degli obblighi contributivi.

Quali sono gli altri casi di esclusione?

Il credito di imposta è impedito a tutte le imprese che pur essendo in possesso di tutti i requisiti si presentano in uno dei seguenti casi:

  1. Liquidazione volontaria;
  2. Fallimento;
  3. Liquidazione coatta amministrativa;
  4. Concordato preventivo senza continuità aziendale;
  1. Altre procedure concorsuali.

Su quali acquisti è applicabile l’agevolazione?

Sono agevolabili gli investimenti in beni materiali e immateriali nuovi strumentali all'esercizio d'impresa.

Qual è l’aliquota del credito d’imposta riconosciuto?

Il credito d’imposta riconosciuto, utilizzabile solo in compensazione, è pari al 40% del costo totale, per la quota di investimento inferiore a 2,5 milioni di euro, mentre è del 20% per la quota d’investimento che supera il tetto di 2,5 milioni di euro.

Attenzione perché in taluni casi, per alcuni beni, il credito d’imposta massimo è pari al 15% e l’investimento complessivo non può superare i 700.000 euro.

In quanti anni viene distribuito il credito?

Nell’arco di cinque anni. Solo per alcuni investimenti, come quelli con canone di locazione, il periodo è di tre anni.

C’è un limite d’investimento agevolabile?

Si, il costo complessivo agevolabile non può superare i 10 milioni di euro.

L’agevolazione spetta anche nel caso di locazione finanziaria?

Si, se l’investimento è stato realizzato mediante un contratto di locazione finanziaria allora si assume il costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni.

È vero che sono agevolabili anche le spese di Cloud Computing?

Si, è vero. Il credito d’imposta in questo caso può essere richiesto per la quota di competenza.

Posso vendere i beni acquistati?

Su questo bisogna fare attenzione. Nessuno vieta la vendita dei beni acquistati con il credito d’imposta, tuttavia è bene sapere che se, entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello

di effettuazione dell'investimento, i beni agevolati sono ceduti a titolo oneroso o sono destinati a strutture produttive ubicate all'estero, anche se appartenenti allo stesso soggetto, il credito d'imposta è corrispondentemente ridotto escludendo dall'originaria base di calcolo il relativo costo.

Cosa accade se con la vendita risulta un credito maggiore?

Qualora la vendita abbassi l’imponibile su cui si calcola il credito d’imposta, allora l’eccedenza andrà riversata entro il termine per il versamento a saldo dell'imposta sui redditi dovuta per il periodo d'imposta in cui si verifichino le suddette ipotesi, senza applicazione di sanzioni e interessi.

L’agevolazione vale anche per artigiani e professionisti?

Si, il comma 194 della legge 160 del 2019 stabilisce che su alcuni beni, e solo su quelli, l’agevolazione è fruibile anche dagli esercenti attività di arti e professioni.

La mia impresa è italiana ma lavora essenzialmente all’estero, posso ottenere l’agevolazione?

Questo è un tema molto rilevante su cui è arrivata di recente una risposta dell’Agenzia delle Entrate per un interpello (il 920-204/2020) del tutto simile, da parte di un’impresa edilizia residente in Italia che ha numerose commesse all’estero e che si ritrova spesso a inviare macchinari all’estero. Bene, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che trattandosi di beni strumentali all’esercizio dell’attività d’impresa ed essendo beni mobili che al termine della commessa fanno ritorno in Italia, allora anche per l’acquisto di questi beni è possibile usufruire dell’agevolazione.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.