Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Contributi per attività turistico ricettive in Regione Abruzzo

Contributi per attività turistico ricettive in Regione Abruzzo

Contributi per attività turistico ricettive in Regione Abruzzo

La Regione Abruzzo ha stanziato contributi a fondo perduto per interventi finalizzati a elevare gli standard di qualità delle strutture turistiche ricettive nell’Area Basso Sangro Trigno.



Destinatari degli aiuti sono le Imprese e gli Enti no profit che al momento della presentazione della richiesta del contributo siano regolarmente iscritte al Registro Imprese ed esercenti almeno una delle seguenti attività:

  • Alberghi;
  • Residenze turistiche alberghiere;
  • Alberghi diffusi;
  • Campeggi;
  • Villaggi turistici;
  • Affittacamere;
  • B&B imprenditoriali;
  • Ostelli della gioventù;  
  • Rifugi montani e rifugi escursionistici.

Sono ammissibili progetti d'investimento finalizzati a:

  • Efficientamento energetico;
  • Accessibilità per i turisti con disabilità motorie e sensoriali;
  • Ammodernamento delle strutture ricettive;
  • Ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente.

Le spese ammissibili sono solo quelle strettamente necessarie e funzionali alla realizzazione del progetto d'investimento proposto, sostenute dal 25/01/2019, ovvero:

Investimenti in beni materiali:

  • Opere murarie;
  • Impianti tecnologici;
  • Macchinari a uso esclusivo della struttura ricettiva funzionali al progetto d'investimento;
  • Macchinari e attrezzature relativi agli interventi previsti per rendere la struttura accessibile per ospiti con disabilità motorie e sensoriali.

Investimenti in beni immateriali:

  • Operazioni finalizzate all’ottenimento o all’implementazione delle certificazioni di qualità ambientale e/o dell’accoglienza;
  • Acquisizione o sviluppo di programmi informatici e siti WEB nella misura massima del 2% dell’importo totale delle spese ammissibili;
  • Spese per servizi di consulenza;
  • Progettazione, studi e direzione lavori nella misura massima del 8% dell’importo totale delle spese ammissibili.

È riconosciuto un contributo a fondo perduto pari al 60% dell’investimento ammissibile e, comunque, non superiore a € 150.000,00. L’ammontare complessivo del progetto d'investimento non può essere inferiore a € 30.000,00.

Al momento di presentazione della domanda per il contributo il proponente deve avere la piena disponibilità dell’immobile oggetto dell'intervento, rilevabile da idonei titoli di proprietà, diritto reale di godimento, locazione, o concessione amministrativa, regolarmente registrati con esclusione del contratto di comodato.

La domanda può essere presentata esclusivamente attraverso lo sportello telematico della Regione mediante SPID disponibile dal 12 dicembre 2020 fino alle ore 12.00 del 21 maggio 2021.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • LucaDomenicoChiacchiari.jpg

    Luca Domenico Chiacchiari da circa 15 anni è titolare dell'omonimo studio professionale a Pescara in Via Falcone e Borsellino n. 26. Svolge consulenza contabile e tributaria per società, imprenditori e professionisti, consulenza civilistico-fiscale in favore di Enti NO profit, redazione di business plan e controllo dei conti nell'ambito di finanziamenti pubblici regionali e nazionali, revisore contabile nell'ambito dei progetti di Formazione Continua alle PMI, è Delegato del Tribunale per gestione Esecuzioni Immobiliari. Sportivo da sempre, da 15 anni assiste ASD, SSD e CIRCOLI ricreativi e culturali del centro Italia, anche in partenariato con importanti Enti ed organizzazioni nazionali come UISP, CSEN, FILJKAM e FISE.