-->

Contributi alla negoziazione extragiudiziale: il bando di MISE e Invitalia

di Redazione

in LEGALE
Tempo di lettura: 1 min

La negoziazione extragiudiziale è uno strumento gratuito ed efficace a favore di cittadini e imprese. In cosa consiste il bando del MISE? A chi si rivolge? Che tipo di problematiche può risolvere una negoziazione extragiudiziale? Come si presenta la domanda? A quanto ammonta il contributo?

Condividi su

Per favorire la diffusione della negoziazione extragiudiziale, il MISE e Invitalia, hanno emanato un bando a cui possono accedere le associazioni di consumatori. In questo modo è possibile ottenere un contributo misto pubblico e privato per coprire le spese delle negoziazioni concluse in maniera positiva.

 

Chi può presentare domanda?

Esclusivamente le Associazioni nazionali e regionali di consumatori.

 

Cosa è possibile ottenere?

Un contributo sulle conciliazioni concluse positivamente. Il contributo è nell’ordine di 60 euro per singola conciliazione.

 

Quali sono le conciliazioni interessate?

Tutte quelle concluse positivamente tra il 1 luglio 2020 e il 30 settembre 2021.

 

Come si presentano le domande?

Tramite la piattaforma dedicata (https://conciliazioniparitetiche.mise.gov.it). Gli sportelli telematici saranno aperti in vari periodi, il primo periodo va da 1 dicembre 2020 fino al 31 gennaio 2021.

 

Che cos’è la negoziazione extragiudiziale?

Si tratta di uno strumento efficace, rapido e gratuito a favore dei consumatori, che possono far valere i propri diritti senza necessità di seguire un iter giudiziario tradizionale. Questo consente da un lato di alleggerire il carico di lavoro sulla giustizia, dall’altro di garantire ai consumatori la tutela dei propri diritti.

 

Chi può accedere alla negoziazione extragiudiziale?

Sia le imprese che i cittadini, per il tramite delle rispettive associazioni.

 

Su cosa può intervenire la negoziazione extragiudiziale?

Risolvere controversie nazionali e transfrontaliere riguardo a contratti di vendita o prestazioni di servizi, attraverso un reclamo ufficiale presso l’ADR.

 

Che cos’è l’ADR?

Un organismo su cui vigilia il Ministero dello Sviluppo Economico. ADR è l’acronimo di Alternative Dispute Resolution.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

NegoziazioneMISE

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...

Aula di negoziazione pratica

di Sergio Meinardi
19 maggio 2020    0
Negoziazione, Phil Brown, Consulenza, Trattativa
Gli attori nelle negoziazioni

di Sergio Meinardi
23 settembre 2019    0
Negoziazione, Consulenza, Trattativa


Oggi parlo di LEGALE