Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Bonus Matrimonio per coppie e imprese: come funziona

Bonus Matrimonio per coppie e imprese: come funziona

Bonus Matrimonio per coppie e imprese: come funziona

Tanti sono i settori che hanno subito pesantemente le restrizioni imposte a causa del Covid-19. Uno di quelli più colpiti è sicuramente quello dei matrimoni, il cui indotto è di notevoli dimensioni e che ora necessita di supporto economico per poter ripartire in attesa della normalità.



Che cos’è il Bonus Matrimoni?

Si tratta di un incentivo che è stato previsto nel recente Decreto Sostegni Bis e che mira a fornire un ristoro economico non solo alle imprese che operano nel settore ma anche ai diretti interessati, ovvero gli sposi che hanno dovuto rimandare i festeggiamenti previsti per il 2020.

Cosa posso ottenere le coppie di sposi?

Le coppie che decideranno di sposarsi nel 2021, potranno approfittare di una detrazione di imposta lorda del 25% sulle spese sostenute per il ricevimento. La detrazione può arrivare al massimo a 25.000 euro, e prevede un’erogazione spalmata su 5 anni.

Quali sono le spese che si possono detrarre?

Ovviamente non tutte le spese si possono portare in detrazione ma solo alcune di esse:

  1. Spese per il fotografo;
  2. Trucco;
  3. Acconciatura;
  4. Abito della sposa;
  5. Ristorazione;
  6. Catering;
  7. Affitto di locali;
  8. Spese per wedding planner;
  9. Decorazioni floreali.

Quali sono i privati coinvolti dal Bonus Matrimoni?

Il Bonus può essere richiesto dai dipendenti di aziende o cooperative, artigiani, operai, apprendisti e lavoratori a domicilio

Su quali anni si applica il Bonus?

Il Bonus Matrimoni consente di portare in detrazione le spese sostenute negli anni 2021, 2022 e 2023. Ricordiamo che le somme portate in detrazione potranno essere recuperate nell’arco di 5 anni.

Quali sono i requisiti per ottenere il Bonus?

È necessario innanzitutto che il matrimonio sia civile o concordatario, che il richiedente abbia un contratto di lavoro attivo da almeno una settimana. Se il richiedente è in congedo lavorativo non lo deve essere da più di 30 giorni. Se si è disoccupati bisogna dimostrare di aver lavorato per almeno 90 giorni fino a 15 giorni prima del matrimonio.

In cosa consiste il Bonus Matrimonio per le imprese?

Per le imprese si tratta di un contributo a Fondo Perduto che ammonta al 30% della differenza tra il fatturato 2020 rispetto al 2019. Le imprese devono risultare attive al momento della richiesta ed essere residenti nel territorio italiano. Inoltre devono essere registrate con codice Ateco nei settori “ristorazione collettiva” oppure “wedding”.

Il Bonus è accessibile anche per le imprese costituite nel 2019 o nel 2020?

Sì, ma spetta una cifra fissa pari a 5.000 euro.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.