Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Bando macchinari innovativi: al via il secondo sportello

Bando macchinari innovativi: al via il secondo sportello

Bando macchinari innovativi: al via il secondo sportello

Si riparte con il secondo sportello per la presentazione di progetti di investimento nell’acquisto di beni a favore delle imprese manifatturiere. Sono 5 le Regioni italiane interessate, per un bando che consente di ottenere un finanziamento agevolato e un contributo in conto impianti.



In cosa consiste il bando?

Lo scopo del bando è quello di favorire programmi di investimento per favorire la transizione tecnologica per le aziende che lavorano nel settore manifatturiero. Non si rivolge a tutte le Regioni Italiane ma solo ad una manciata di territori presenti nel Sud Italia. Nello specifico, le Regioni interessate sono le seguenti:

  1. Basilicata;
  2. Calabria;
  3. Campania;
  4. Puglia;
  5. Sicilia.

Il bando consente di accedere ad un fondo di oltre 130 milioni di euro.

A chi si rivolge il bando?

Al bando possono partecipare tutte le PMI che soddisfino una serie di requisiti. Ovviamente devono essere imprese operanti e iscritte regolarmente al Registro delle imprese. Devono essere in regola con la normativa edilizia e urbanistica, con la normativa del lavoro e con gli obblighi contributivi. Non devono risultare come imprese in difficoltà. L’accesso è consentito anche alle imprese che si presentano sotto forma di rete di imprese. Inoltre vale ricordare che il bando è aperto anche ai liberi professionisti. Le imprese ammesse a partecipare sono tutte quelle del settore manifatturiero, ad eccezione delle attività connesse ai seguenti settori:

  1. Siderurgia;
  2. Estrazione del carbone;
  3. Costruzione navale;
  4. Fabbricazione delle fibre sintetiche;
  5. Trasporti e relative infrastrutture;
  6. Produzione e distribuzione di energia, nonché delle relative infrastrutture.

Sono inoltre ammesse le attività di servizi alle imprese elencate nell’allegato 3 del decreto ministeriale 30 ottobre 2019.

Quali progetti si possono presentare?

I progetti che è possibile presentare non devono avere una spesa inferiore a euro 400.000 e non superiore a euro 3.000.000. Inoltre la loro realizzazione può avvenire esclusivamente nei territori localizzati nelle Regioni indicate e devono prevedere l’acquisizione di tecnologie abilitanti atte a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa e/o di soluzioni tecnologiche in grado di rendere il processo produttivo più sostenibile e circolare. I beni oggetti del progetto, devono essere di nuova acquisizione. Ogni progetto presentato dev’essere completato entro 12 mesi dall’accettazione del progetto stesso.

Quali sono le spesse ammissibili?

Le spese ammissibili possono riguardare immobilizzazioni materiali e immateriali, beni ammortizzabili e capitalizzati che figurano nell’attivo patrimoniale dell’impresa e mantengono la loro funzionalità rispetto al programma di investimento per almeno 3 anni dalla data di erogazione a saldo delle agevolazioni, beni utilizzati esclusivamente nell’unità produttiva oggetto del programma di investimento. Tutti i pagamenti devono essere eseguiti con metodi tracciabili e dimostrabili.

In cosa consiste l’agevolazione?

L’agevolazione consiste in un contributo in conto impianti e un finanziamento agevolato, per una percentuale nominale calcolata rispetto alle spese ammissibili pari al 75 %. Il mix di agevolazioni è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa come segue:

  1. per le imprese di micro e piccola dimensione, un contributo in conto impianti pari al 35% e un finanziamento agevolato pari al 40%;
  2. per le imprese di media dimensione, un contributo in conto impianti pari al 25% e un finanziamento agevolato pari al 50%.

Il finanziamento agevolato deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi in un periodo della durata massima di 7.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.