Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / B2B e B2C: cosa è cambiato con la Brexit

B2B e B2C: cosa è cambiato con la Brexit

B2B e B2C: cosa è cambiato con la Brexit

Come è cambiata la burocrazia per le transazioni B2B e B2C nelle operazioni di cessione o acquisto di beni e servizi con il Regno Unito? Torniamo sull'argomento Brexit per indagare alcuni aspetti più specifici, come sono emersi dalle domande che in questi mesi sono arrivati in Redazione.



Abbiamo preso spunto dalle tante domane che ci sono arrivate in questi mesi sul tema della Brexit, per tornare nuovamente sull'argomento, soffermandoci sui cambiamenti intercorsi in operazioni di importazione ed esportazione di beni e servizi tra operatori economici (B2B) o tra operatori economici e privati (B2C).

Quali differenze tra clienti B2B e B2C in merito a esportazione e importazione?

Nessun tipo di differenza: che si tratti di rapporti B2C oppure B2B, nel caso dell’esportazione il regime IVA è non imponibile secondo l’ex articolo 8 DPR 633/72. Mentre per l’importazione il riferimento è regime IVA imponibile in Italia secondo l’ex articolo 6 DPR 633/72.

Come si differenziano gli adempimenti tra B2Ce B2B in caso di cessione di beni?

Se prima dell’attuazione della Brexit gli adempimenti erano diversi, a partire dal 1 gennaio gli adempimenti sono i medesimi a prescindere dal tipo di vendita. In sostanza gli adempimenti si possono così elencare:

  1. Formalità e documenti doganali;
  2. Emissione fattura non imponibile.

Non sarà più necessario presentare l’esterometro.

Quali sono gli adempimenti in caso d'importazione?

Anche in questo caso, gli adempimenti sono stato uniformati per rapporti B2B e B2C. Nello specifico sono i seguenti:

  1. Formalità doganali;
  2. Annotazione della bolletta doganale nel registro degli acquisti.

Così come per l’esportazione, anche in questo caso non sarà più necessario presentare l’esterometro.

È vero che nel caso di servizi i cambiamenti non si sono verificati?

Sì è vero. Sia che si tratti di B2C che di B2B, la normativa per i servizi resi o ricevuti resta la medesima di quella precedente alla Brexit.

Anche per gli adempimenti sui servizi restano le medesime regole?

No, per quanto riguarda gli adempimenti in caso di servizi resi o ricevuti, gli adempimenti sono cambiati. Nel caso di servizi resi tra soggetti B2B, gli adempimento sono l’emissione di fattura senza iva come ex articolo 7 DPR 633/72 e presentazione dell’esterometro in caso non sia emessa la fattura elettronica. Tra soggetti B2C invece permane la normativa precedente. Nel caso di servizi ricevuti, tra operatori B2B è necessario emissione dell’autofattura e presentazione dell’esterometro se non ci si avvale della fattura elettronica.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.