Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Aziende e sconto sulla TARI: il caso dell’Ente inadempiente

Aziende e sconto sulla TARI: il caso dell’Ente inadempiente

Aziende e sconto sulla TARI: il caso dell’Ente inadempiente

Sei sicuro che la TARI è sempre dovuta? Cosa succede al pagamento della tassa se il Comune non espleta il servizio di raccolta dei rifiuti? È vero che la Corte di Cassazione ha sentenziato uno sconto sul pagamento della tassa? Perché uno sconto e non un annullamento? E per i privati, cosa accade?



La TARI è la tassa sulla raccolta dei rifiuti, e su questo non c’è nulla di nuovo. Lo sanno bene sia gli imprenditori che i privati cittadini, visto che grava sulle teste di entrambi.

Ciò che è meno noto, invece, riguarda cosa può accadere se l’Ente preposto alla raccolta dei rifiuti smette di fare il proprio lavoro oppure non riesce a farlo in maniera adeguata.

Questo è il tema di una recente sentenza della Corte di Cassazione che ha ribaltato il verdetto della CTR di Napoli.

 

Qual è il caso specifico oggetto della sentenza?

Si tratta di un caso abbastanza comune che in maniera specifica riguarda il Comune di Nola e un’azienda manifatturiera del territorio. L’azienda lamentava il mancato ritiro dei rifiuti da parte dell’Ente e per questo richiedeva un abbattimento della TARI.

 

Cosa ha stabilito la Cassazione?

In definitiva la Corte di Cassazione ha stabilito la ragione a favore dell’azienda manifatturiera, potendo constatare il mancato espletamento del servizio da parte del Comune. Per questo motivo ha ordinato uno sconto del 40% rispetto al totale dovuto.

 

Perché uno sconto e non un annullamento dell’intera tassa?

La Cassazione ha stabilito che la TARI è una tassa il cui valore è dato da una serie di variabili e che bisogna tenere conto che parte di questa tassa è necessaria per mettere il Comune nella condizione di poter operare con la raccolta dei rifiuti. Per questo motivo è stato individuato uno sconto congruo con il disservizio subito.

 

La sentenza è applicabile anche ai privati?

Non vi sono differenze in questo senso, benchè la questione non sia stata affrontata con l’ordinanza in oggetto. La Corte di Cassazione ha lasciato intendere, per non dire “esplicitato” che la questione si estende anche ai cittadini privati.

 

A quale professionista rivolgersi?

Tributarista.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.