-->

Associazioni e Onlus al bivio del 31 ottobre 2020

di Luca Domenico Chiacchiari

in ASSOCIAZIONI
Scrivigli su Know How
Tempo di lettura: 2 min

Entro il 31.10.2020 molte Associazioni no profit hanno l'opportunità di mettere un piede nella Riforma del Terzo Settore con una procedura semplificata

Condividi su

Accedere al Registro Unico Nazionale Terzo Settore (RUNTS) per usufruire delle nuove norme dettate dal Codice Terzo Settore (CTS) sembra l’unica strada percorribile per gli Enti No Profit per continuare a:

  •     
  • godere delle agevolazioni fiscali;
  •     
  • avere un canale preferenziale per l’accesso a contributi pubblici finanziamenti agevolati;
  •     
  • beneficiare di altre facilitazioni riservate al Terzo Settore.

Per diventare Enti del Terzo Settore (ETS) tutte le Associazioni devono adeguare il proprio statuto secondo le indicazioni previste dalla Riforma. Nelle Associazioni lo statuto deve essere modificato dall’assemblea dei soci “straordinaria”, ovvero con quorum costitutivi (presenze in assemblea) e quorum deliberativi (voto a favore) "rafforzati". In pratica la modifica dello statuto può avvenire solo in presenza di un numero minimo di soci, solitamente pari ai 2/3 degli aventi diritto che, a maggioranza, deve esprimersi in favore della modifica. Nel caso in cui non vi siano indicazioni specifiche nello statuto in tema di modifica statutaria l’assemblea dei soci potrà deliberare sul tema alla presenza di almeno i 3/4 dei soci e col voto favorevole della maggioranza dei presenti.

 

L’adeguamento dello Statuto per richiedere l’iscrizione al Registro Unico Nazionale Terzo Settore (RUNTS) può essere fatto in qualsiasi momento ma per alcuni enti vi è la possibilità di usufruire di una procedura semplificata ma solo fino al 31.10.2020.

 

Organizzazioni di Volontariato (ODV), Associazioni di Promozione Sociale (APS) e ONLUS, infatti, possono modificare il proprio statuto anche con una assemblea dei soci “ordinaria” ovvero anche in presenza di un numero qualsiasi di soci (in seconda convocazione).

 

Per cogliere questa opportunità, in considerazione della scadenza (31.10.2020) e dei tempi tecnici di convocazione preventiva dei soci prevista dagli statuti (solitamente 8 o 10 giorni) sarebbe opportuno procedere con una certa urgenza.

 

Sebbene l’adeguamento statutario possa essere effettuato anche successivamente a tale data (ma con un assemblea “straordinaria”), non usufruire della procedura semplificata in scadenza il prossimo 31.10.2020 potrebbe comportare dei rischi. Nel caso, ad esempio, delle Associazioni con una larga base associativa (o disseminata in tutto il territorio nazionale) potrebbe risultare non così agevole ottenere in tempi brevi la presenza in assemblea (straordinaria) dei soci richiesta dallo Statuto (2/3 degli aventi diritto) o dalla Legge (3/4 degli aventi diritto) necessari per effettuare l'adeguamento statutario.

Questa difficoltà, protratta nel tempo, potrebbe comportare il rischio di rimanere fuori dal RUNTS sancendo, con ogni probabilità, l’estinzione dell’Associazione costretta gestire la propria attività senza usufruire di alcuna agevolazione fiscale o accesso a contributo pubblico/privato. Nel caso delle ONLUS tale eventualità (esclusione dal RUNTS) risulterebbe ancora più grave poichè comporterebbe anche l’obbligo di devoluzione ad utilità sociale del proprio patrimonio sociale (giacenze bancarie, immobili, ecc.).

 

Le ASD interessate a questa opportunità sono solamente quelle che godono di una doppia veste giuridica ovvero quelle iscritte al Registro CONI ma anche al Registro delle APS. Tutte le altre ASD interessate alla Riforma del Terzo Settore possono adeguare il proprio statuto in ogni momento (mediante assemblea "straordinaria"), prima di richiedere l'accesso al RUNTS.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

RUNTSASDONLUSTerzo Settore

di Luca Domenico Chiacchiari
Dottore Commercialista e Revisore Contabile

Luca

Luca Domenico Chiacchiari da circa 15 anni è titolare dell'omonimo studio professionale a Pescara in Via Falcone e Borsellino n. 26. Svolge consulenza contabile e tributaria per società, imprenditori e professionisti, consulenza civilistico-fiscale in favore di Enti NO profit, redazione di business plan e controllo dei conti nell'ambito di finanziamenti pubblici regionali e nazionali, revisore contabile nell'ambito dei progetti di Formazione Continua alle PMI, è Delegato del Tribunale per gestione Esecuzioni Immobiliari. Sportivo da sempre, da 15 anni assiste ASD, SSD e CIRCOLI ricreativi e culturali del centro Italia, anche in partenariato con importanti Enti ed organizzazioni nazionali come UISP, CSEN, FILJKAM e FISE.

Scopri di più

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di ASSOCIAZIONI