-->

Assenza per malattia: 9 domande su come comportarsi

di Redazione

in LAVORO
Tempo di lettura: 2 min

Come comportarsi quando non ci si può recare al lavoro per malattia? Quali sono i rischi che il dipendente corre? Cosa dice la legge sul funzionamento della visita medica fiscale? Perchè la malattia potrebbe sfociare anche in licenziamento per giusta causa? Chi paga la malattia di un dipendente?

Condividi su

L’assenza per malattia è una condizione che tutti i dipendenti si trovano ad affrontare nella loro storia lavorativa, eppure molti ignorano quali sono i diritti ma anche i doveri e non è raro che comportamenti sbagliati possono generare situazioni poco piacevoli oppure che, nei casi più gravi, possono portare ad un licenziamento per giusta causa da parte del datore di lavoro.

Di seguito abbiamo raccolto una serie di situazioni che possono fornire un valido supporto informativo per tutti coloro che ne hanno bisogno.

 

In cosa consiste l’obbligo di reperibilità?

La reperibilità è l’obbligo in capo al dipendente di essere reperibile, appunto, quando avviene la visita fiscale da parte del medico. Ci sono degli orari precisi, durante i quali il dipendente è tenuto ad essere presente a casa. In caso di lavoratore dipendente privato, gli orari vanno dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. Questi variano leggermente in caso di dipendente pubblico, infatti i range di orario vanno dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

 

È vero che la reperibilità è necessaria solo nei giorni lavorativi?

Assolutamente no, il dipendente in malattia è tenuto ad essere reperibile anche durante il sabato, la domenica e i festivi.

 

Cosa succede se alla visita medica non sono presente in casa?

Innanzitutto va analizzato il motivo per cui non si è reperibili. La legge stabilisce dei casi di assenza giustificata. Qualora l’assenza sia ingiustificata, vi sono delle sanzioni amministrative e si potrebbe arrivare anche al licenziamento per giusta causa qualora il datore di lavoro verificasse una situazione di dolo ai danni dell’azienda.

 

È vero che il datore di lavoro può richiedere la visita medica fiscale per un suo dipendente?

Si è vero. Qualora il datore di lavoro avesse seri dubbi sulla veridicità della malattia, può richiedere all’Istituto di Previdenza la necessità di una visita medicale fiscale, per appurare con certezza lo stato di salute del dipendente.

 

Mi sono svegliata con della febbre alta, cosa prevede la procedura?

Il primo passo da compiere è quello di contattare il propri medico curante e stabilire insieme a lui se sarà necessario recarsi in sede oppure se sarà possibile una visita domiciliare. Appurata la malattia e fatta la diagnosi, il medico curante elabora un certificato che dovrà inviare telematicamente all’INPS e al datore di lavoro.

 

Ho tardato nel contattare il medico, posso chiedergli di anticipare il giorno di inizio della malattia?

No, è assolutamente vietato. Dal momento che l’indennità viene calcolata in base al giorno di inizio individuato dal medico, questi è tenuto a dichiarare il vero, quindi senza anticipare la data di inizio di malattia a prima che sia stata fatta la diagnosi.

 

Durante la malattia posso essere licenziato?

Se sopraggiungono dei gravi casi di reato, come potrebbe essere una finta malattia, allora si può verificare il licenziamento per giusta causa.

 

Chi paga il dipendente in malattia?

Il discorso qui è un po’ più articolato. Il diritto all’indennità per i lavoratori dipendenti spetta a partire dal 4° giorno di malattia, ciò vuol dire che i primi 3 giorni sono coperti dal datore di lavoro, qualora il contratto lo preveda. L’indennità è del 50% rispetto alla retribuzione ordinaria per il periodo dal 4° al 20° giorno. Dal 21° giorno e fino al 180° l’indennità è del 66,6%. I contratti collettivi stabiliscono che il datore di lavoro è tenuto a coprire la parte restante fino ad un certo ammontare che in taluni casi può arrivare al 100%.

 

Quali lavoratori possono richiedere l’indennità per malattia?

Possono fare richiesta dell’indennità di malattia le seguenti categorie di lavoratori:

  1. Operai del settore industria;
  2. Operai e impiegati del settore terziario e servizi;
  3. Lavoratori dell’agricoltura;
  4. Apprendisti;
  5. Disoccupati;
  6. Lavoratori sospesi dal lavoro;
  7. Lavoratori dello spettacolo;
  8. Lavoratori marittimi;

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

Lavoro DipendenteAssenza per Malattia

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di LAVORO