Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Assegno universale per i figli: obbligatorio l’ISEE

Assegno universale per i figli: obbligatorio l’ISEE

Assegno universale per i figli: obbligatorio l’ISEE

Dovrebbe partire dal 1° luglio l’assegno universale per i figli. Il condizionale è d’obbligo, visto il verificarsi di numerosi cambi in corso d’opera, la mancanza dei decreti attuativi e, infine, visto il gran parlare di questi giorni in virtù dell’obbligatorietà dell’ISEE. 



In cosa consiste l’assegno universale?

Consiste in un assegno mensile riconosciuto per ogni figlio a carico e fino al compimento del suo 21° anno di età.

Chi percepisce l’assegno?

L’assegno viene erogato in egual misura a entrambi i genitori. In loro assenza l’assegno è riconosciuto a chiunque esercita la responsabilità genitoriale. Tuttavia va precisato che a partire dalla maggiore età, l’assegno potrà essere erogato direttamente al figlio, previa decurtazione di una certa percentuale e ammesso che abbia i requisiti per continuare a ottenerlo.

Quali requisiti devono possedere i genitori?

I requisiti sono i seguenti e sono cumulativi:

  1. Avere cittadinanza italiana o essere cittadini comunitari;
  2. Essere soggetti al pagamento dell’imposta sul reddito delle persone fisiche;
  3. Essere residenti o domiciliati in Italia;
  4. Essere stato o essere residente in Italia per almeno due anni, oppure essere titolare di contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato di durata almeno biennale.

Come viene calcolato l’importo?

In base alla grandezza del nucleo familiare e in base all’ISEE. Orientativamente, benchè siano attesi decreti attuativi, per ogni figlio e in base al proprio ISEE lo Stato dovrebbe corrispondere fino a 250 euro.

È vero che sarà obbligatorio presentare l’ISEE?

Sì è vero, servirà per accedere al bonus e per consentire il calcolo dell’assegno erogato.

Cosa cambia con un figlio disabile?

In caso di figlio disabile, l’assegno viene corrisposto anche oltre il compimento del 21° anno di età, qualora esso risulti ancora a carico dei genitori o di chi esercita la responsabilità genitoriale.

A partire da quando viene corrisposto l’assegno?

A partire dal settimo mese di gravidanza, quindi ben prima che il figlio sia venuto al mondo.

È vero che può essere erogato anche dopo il 21° anno di età?

Solo in caso di figli disabili. Per tutti gli altri il limite è il compimento del 21° anno ma a patto che il figlio maggiorenne a carico sia iscritto ad un corso di formazione, un corso universitario oppure registrato come disoccupato presso un centro per l’impiego.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.