Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Assegno unico per i figli fino a 18 anni: in arrivo dal 1 luglio

Assegno unico per i figli fino a 18 anni: in arrivo dal 1 luglio

Assegno unico per i figli fino a 18 anni: in arrivo dal 1 luglio

Era atteso già da tempo l’assegno unico per i figli a carico, e si sperava che entrasse a regime fin da quest’anno. Complice la pandemia ma soprattutto una riforma fiscale che stenta a partire, dal 1° luglio ha inizio un assegno ponte che coprirà l’ultimo semestre di quest anno.



A partire dal 2022, invece, l’assegno dovrebbe andare definitivamente a regime. Nell’articolo di oggi vediamo come funzionerà la versione “ponte” dell’assegno familiare.

A chi si rivolge?

A tutte le famiglie in cui sia presente un minore con età inferiore a 18 anni. Quando l’assegno sarà a regime, in teoria l’età dovrebbe essere elevata fino ai 21 anni. A differenza dei precedenti assegni familiari riservati ai lavoratori dipendenti, il nuovo assegno sarà riconosciuto a tutte le categorie di lavoratori e non solo:

  1. Lavoratori autonomi;
  2. Lavoratori dipendenti;
  3. Soggetti inattivi;
  4. Percettori di Reddito di Cittadinanza.

È bene sottolineare l’elenco dei percettori in quanto le categorie 1, 3 e 4 fino ad oggi non avevano diritto agli assegni familiari. Questi ultimi, saranno un po’ più corposi per i lavoratori dipendenti, con un aumento che si stima sia di circa 40 euro su base mensile.

A quanto ammonta l’assegno?

Premesso che vi è differenza tra l’assegno percepito da un lavoratore dipendente e un lavoratore autonomo, l’assegno varierà in funzione del reddito così come emerge dall’ISEE. Detto ciò, l’importo massimo mensile per primo e secondo figlio è di 167,5 euro ciascuno, quindi una famiglia con due figli minori potrà ottenere 335 euro. Se è presente un terzo figlio, l’assegno di base (167,5 euro) dev’essere aumentato del 30% per ciascun figlio, arrivando a 217,75. Quindi, una famiglia con 3 figli dovrebbe ottenere un assegno di 653.25 euro mensili. Questa cifra diminuisce in maniera inversamente proporzionale all’aumentare dell’ISEE.

I nuovi assegni saranno erogati a tutti gli aventi diritto?

No, l’assegno base di 167,5 euro è riconosciuto, per questo primo semestre di prova (fino al 31 dicembre 2021) a tutti tranne che ai lavoratori dipendenti che già percepiscono l’assegno familiare in busta paga. Per questi vi sarà un aumento ma nell’ordine di 40 euro mensili circa per famiglie con 2 figli a carico, e di 70 euro mensili per famiglie con almeno 3 figli a carico.

È vero che saranno eliminate tutte le detrazioni attualmente in vigore?

Sì è vero, ma non accadrà prima del 31 dicembre 2021. Le detrazioni saranno accorpate nell’assegno unico a partire dal 2022, quando la nuova manovra andrà a regime.

Quali requisiti devo possedere per accedere all’assegno unico?

Essere cittadino italiano, europeo, extraeuropeo, titolare di diritto di soggiorno, di permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo o per motivo di lavoro o ricerca di durata almeno semestrale. Pagare le tasse in Italia. Essere residente e domiciliato in Italia con i figli a carico fino al compimento del 18 esimo anno. Oppure residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi. Oppure titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato di durata almeno semestrale. Il nucleo del richiedente deve essere in possesso dell’Isee.

Quali sono i limiti ISEE?

Possono accedere all’assegno unico le famiglie con ISEE non superiore a 50.000 euro.

Ci sono condizioni particolari in presenza di un figlio disabile?

Sì, è prevista una maggiorazione dell’assegno unico pari a euro 50 mensili.

Quale ISEE è necessario per avere il massimo dell’assegno?

Il massimale è previsto per ISEE fino a 7000 euro.

Come si presenta la domanda?

La domanda va presentata entro il 30 giugno tramite CAF o Patronati, in base alle modalità che saranno comunicate dall’INPS entro il 30 giugno del 2021. L’erogazione dell’assegno avverrà a partire già dal mese di luglio, con accredito diretto in busta paga oppure sul conto indicato al momento della presentazione della domanda.

L’assegno contribuisce alla base imponibile?

No, l’assegno non concorre alla formazione della base imponibile ai fini IRPEF.

Se percepisco il Reddito di Cittadinanza posso ottenere l’assegno unico?

Sì, l’assegno unico per i figli a carico è compatibile anche con il RdC. Non solo, è compatibile in generale con tutte le misure di sostegno al reddito che erogano i Comuni e le Regioni in aggiunta alla azioni di governo.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.