Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Aprire un’impresa di autolavaggio: cose da sapere

Aprire un’impresa di autolavaggio: cose da sapere

Aprire un’impresa di autolavaggio: cose da sapere

L’autolavaggio è un’area, o locali appositi opportunamente attrezzati, per il lavaggio delle automobili. Gli autolavaggi possono essere automatici, e quindi di tipo self service, oppure con del personale che effettua il lavaggio a mano: ognuno può strutturarsi e differenziarsi come crede.



Quali possono essere i punti di forza su cui fare leva?

Si può puntare sull’efficienza e sull’avanguardia dei macchinari, sulla qualità dei prodotti, sull’esperienza e la professionalità del personale; è altresì importante scegliere bene dove collocare la propria attività perché il potenziale bacino d’utenza è fondamentale, così come redigere un attento business plan.

È sempre necessario il Notaio?

No, vi sono casi in cui il Notaio non è obbligatorio, nello specifico:

  • In caso di ditta individuale.

Qual è il codice Ateco dell’autolavaggio?

Per l’autolavaggio il codice ateco di riferimento è il 45.20.91, che fa riferimento proprio alla dicitura lavaggio auto.

Una volta deciso il posto, qual è la prima cosa da fare?

Il primo step burocratico è la costituzione della società e la scelta della forma giuridica. Prima di procedere bisogna dotarsi di PEC e Carta Nazionale dei Servizi (CNS) con funzioni di firma digitale. Questi adempimenti possono essere effettuati autonomamente, oppure affidandosi ad un esperto, a cui conferire una procura scritta, che provvederà ad espletare l’iter burocratico.

Quali sono i successivi adempimenti per l’inizio dell’attività?

Sono i seguenti:

  1. Apertura partita iva;
  2. Iscrizione INPS commercianti, salvo i casi di non iscrivibilità (Link);
  3. Iscrizione in Camera di Commercio;
  4. Comunicazione al SUAP con SCIA (Segnalazione Certificata di avvio Attività).
  5. Autorizzazione all’azionamento di motori elettrici se con potenza superiore a 0,5 hp corredata di documentazione di impatto acustico redatta da un tecnico competente in acustica ambientale.
  6. Autorizzazione allo scarico delle acque reflue nella pubblica fognatura.

Quali sono i requisiti per aprire un lavaggio auto?

Non vi sono particolari requisiti se non di ordine morale. E sono i seguenti:

  • Requisiti morali previsti dall’art. 67 del D.lgs. 6 settembre 2011 n. 159 “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione”, nonché dalle disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136;
  • Requisiti morali previsti dall’art. 11 del R.D. n. 773/1931 “Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza;

Quali sono i riferimenti legislativi?

Per chi vuol approfondire autonomamente, può fare riferimento alle seguenti fonti:

  • D.Lgs. 03/04/2006, n. 152, art. 124 e 125;
  • D.P.R. 13 marzo 2013 n. 59;
  • D.Lgs. 03/05/99 n.152 – Allegato 5.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.