Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Aprire un albergo: requisiti e procedure da compiere

Aprire un albergo: requisiti e procedure da compiere

Aprire un albergo: requisiti e procedure da compiere

Aprire un albergo, sul piano burocratico, non è più complesso di una qualsiasi altra attività. Quali sono gli adempimenti da compiere? Quali sono i requisiti da possedere per la vendita e somministrazione di alimenti e bevande? Quali sono le regole sulle dimensioni? Cosa indicano le stelle?



L’albergo è quella struttura ricettiva organizzata per fornire al pubblico alloggio, in camere o in appartamenti, ed eventualmente altri servizi come il ristorante il bar. In quest’articolo analizziamo gli adempimenti per poterne aprire uno, tenendo conto che gli alberghi non sono soltanto quelle grandi strutture che prevedono ingenti investimenti ma possono avere anche

Ci sono regole ben precise sulle dimensioni?

No, la legge non stabilisce una dimensione minima o massima. Un albergo può essere sia una grande struttura, che sicuramente richiederà ingenti investimenti, sia una piccola struttura a conduzione familiare.

Cosa indicano le stelle di un albergo?

Le stelle indicano la qualità e la tipologia di servizi offerti dalla struttura. Sono diversi gli aspetti che vengono valutati ma possiamo soffermarci almeno su quelli più importanti:

  1. 5 stelle: è prevista la reception aperta 24 ore su 24. Il personale deve garantire l’uso di almeno 3 lingue straniere. Le camere singole devono avere una dimensione di almeno 9 metri quadrati, mentre le camere doppie devono essere di almeno 16 metri quadrati. La superfice dei bagni non può essere inferiore a 5 metri quadrati. Viene offerta la televisione satellitare in tutte le camere e un servizio di trasporto bagaglio 24 ore su 24.
  2. 4 stelle: pulizia giornaliera della camera con riassetto pomeridiano e cambio della biancheria. Servizio di lavaggio e stiratura, parcheggio garantito per almeno la metà delle camere. Camere doppie di almeno 15 metri quadrati e bagno di almeno 4 metri quadrati.
  3. 3 stelle: conoscenza di una lingua straniera da parte della reception, che resta aperta per almeno 16 ore. Servizio bar, servizio internet, divisa per il personale, bagni privati nelle camere e pulizia giornaliera delle stesse. Più i servizi delle due categorie successive.
  4. 2 stelle: Ascensore e servizio di cambio biancheria 2 volte a settimana, più i servizi della categoria successiva.
  5. 1 stella: ricevimento 12 ore su 24, pulizia della camera quotidiana, cambio biancheria una volta a settimana e camere doppie di 14 metri quadrati.

Negli alberghi più grandi e più importanti si possono trovare anche sale conferenze, aree destinate al benessere, palestra, piscina e tutto ciò che può migliorare il confort degli ospiti.

Qual è il primo adempimento da compiere?

L’apertura della società, con relativa partita iva, e la scelta della forma giuridica. Qualora si opti per una ditta individuale, non è necessario avvalersi di un notaio.

Cosa serve per svolgere i primi adempimenti?

Prima di procedere bisogna dotarsi di PEC e Carta Nazionale dei Servizi (CNS) con funzioni di firma digitale. Questi adempimenti possono essere effettuati autonomamente, oppure affidandosi ad un esperto, a cui conferire una procura scritta, che provvederà a espletare l’iter burocratico.

Quali comunicazione bisogna fare agli enti territoriali?

È necessaria l’iscrizione all’INPS commercianti (salvo i casi di non iscrivibilità) e l’iscrizione alla Camera di Commercio territoriale.

Anche per un albergo è necessaria la SCIA?

Certamente. Si tratta della Segnalazione Certificata di Inizio Attività, ed è obbligatoria per qualsiasi nuova attività commerciale. In aggiunta bisogna presentare anche la NIAS, ovvero la Notifica di Inizio Attività Sanitaria.

Quali sono le procedure per le norme antincendio?

È obbligatoria la comunicazione della SCIA al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

Se l’albergo fornirà servizi di bar e ristorazione, quali sono gli obblighi?

Innanzitutto è necessario possedere la licenza per la vendita di alcolici e superalcolici, che viene rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Inoltre è necessario possedere i requisiti di onorabilità e accertarsi che il personale soddisfi almeno uno dei seguenti requisiti:

  • Personale abilitato a operare con gli alimenti attraverso corso SAB (Somministrazione Alimenti e Bevande) organizzato da enti regionali, provinciali o da istituti privati da essi appaltati;
  • Aver lavorato nel settore alimentare o nella ristorazione per almeno 2 anni negli ultimi 5;
  • Possesso di diploma di scuola alberghiera o equipollente o superiore.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.