Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Amministratore di sostegno e legge 104: chi lo nomina e cosa fa

Amministratore di sostegno e legge 104: chi lo nomina e cosa fa

Amministratore di sostegno e legge 104: chi lo nomina e cosa fa

L’Amministratore di sostegno è quella figura, nominata da un giudice, il cui compito è l’amministrazione e la tutela degli interessi patrimoniali di persone affette da disabilità fisica e/o psichica. Quali sono i suoi compiti e quali gli obblighi? Entriamo nel dettaglio dell'argomento.



Chi nomina l’Amministratore di Sostegno?

L’AS è nominato da un giudice, il quale avrà anche il compito di specificare i compiti di cui dovrà occuparsi.

Per quanto tempo resta in carica l’Amministratore di Sostegno?

Dipende, lo stabilisce il giudice. In ogni caso l’AS può restare in carica anche per un tempo limitato, piuttosto breve, giusto il necessario per l’espletamento di specifici compiti.

Quali sono i compiti di un Amministratore di Sostegno?

Premesso che è il giudice a decidere di cosa, nello specifico, dovrà occuparsi, possiamo comunque individuare alcuni compito sulla basi della consuetudine, secondo l’elenco qui proposto:

  1. Riscuotere la pensione;
  2. Richiesta di specifiche istanze;
  3. Sottoscrizione di atti;
  4. Dichiarazione dei redditi;
  5. Acquisto di cose, mobili e immobili.

Insomma, l’AS dovrà occuparsi di tutte le attività quotidiane a favore del suo assistito

Quali sono gli obblighi dell’Assistente di Sostegno?

Sono molteplici. Va tenuto conto che una volta nominato, l’AS dovrà fare giuramento di fedeltà di fronte al giudice. Inoltre egli dovrà tenere in conto le esigenze del suo assistito, informarlo di eventuali atti da compiere, comunicare al giudice tutelare eventuale dissenso rispetto agli adempimenti richiesti, garantire l’assistenza del proprio assistito per 10 anni, presentare una periodica relazione al giudice tutelare sulle attività svolte, fornire tutte le informazioni necessarie e i chiarimenti sull’amministrazione dell’assistito.

È vero che la durata di 10 anni può essere anche maggiore?

Sì, nel caso si tratti di un coniuge, di un convivente o un parente ascendete o discendente della persona assistita.

Come si svolge la procedura di nomina?

È sufficiente fare richiesta al giudice tutelare. Una volta ricevuta la richiesta, il giudice avrà il compito di sentire l’assistito, di conoscerlo personalmente. Una volta accertata l’esigenza, il giudice sancisce la nomina dell’AS, e il provvedimento sarà esecutivo entro 60 giorni. Se è stata fatta alcuna richiesta, il giudice tutelare può scegliere l’amministratore tra i parenti ma anche un’associazione, una fondazione oppure una persona del tutto estranea all’interessato.

Posso fare ricorso per la nomina di un Amministratore di Sostegno?

Certo. Il ricorso può essere presentato sia dallo stesso assistito, sia dai parenti di quest’ultimo, ma anche dal Pubblico Ministero, dal tutore o curatore, dai responsabili dei servizi sociali o sanitari. Il ricorso dev’essere presentato allegando apposita documentazione che riguarda l’assistito e indicano le ragioni del ricorso

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.