-->

8 domande sul congedo per Covid fino a dicembre

di Redazione

in LAVORO
Tempo di lettura: 1 min

Continua fino a fine dicembre la possibilità di richiedere il congedo parentale. Quali sono i casi in cui non è possibile farlo? Per quanto dura? Quanto spetta di retribuzione? In quali casi, con coniuge a casa, è possibile richiedere il congedo? C'è compatibilità con il congedo parentale?

Condividi su

La situazione per le imprese e i lavoratori a causa del Covid-19 continua ad essere complicata. Molti i lavoratori che hanno difficoltà a conciliare il proprio lavoro con l’esigenza di dover stare a casa per accudire un figlio in quarantena. Per questo torniamo sul tema dei congedi per verificare la situazione attuale e capire chi ha diritto al congedo e quali sono gli strumenti messi in campo dallo Stato.

 

Quando si può chiedere il congedo?

Il congedo per Covid si può chiedere per i periodi di quarantena scolastica per figli di età fino a 14 anni.

 

Qual è il periodo preso in considerazione?

Attualmente il periodo in qui è possibile usufruire di questa misura va dal 9 settembre fino al 31 dicembre 2020.

 

Chi può chiedere il congedo per Covid?

Lo possono richiedere tutti i dipendenti del settore pubblico e privato. Non è riconosciuto agli autonomi e agli iscritti alla gestione separata INPS.

 

Per quanto tempo posso chiedere il congedo?

Per tutto il tempo di quarantena così come disposto dalla ASL e per ciascun figlio a carico.

 

Quali sono i casi in cui non è possibile fruirne?

Sono diversi i casi e fanno riferimento perlopiù alla condizione dell’altro coniuge. Il congedo, infatti, non spetta se il coniuge:

  1. È in smart working;
  2. Ha già richiesto e sta usufruendo del congedo Covid;
  3. Sta già usufruendo del congedo parentale per il medesimo periodo;
  4. È in riposo per allattamento;
  5. È disoccupato;
  6. Fruisce di ammortizzatori sociali senza lavorare;
  7.  È in part-time o lavoratore intermittente.

Vale precisare che se anche il coniuge non presenta nessuno di questi casi ma il richiedente è in smart working, il congedo non può essere richiesto.

 

Mio marito è in malattia, posso richiedere il congedo?

Si, questo è uno dei casi eccezionali in cui, pur essendo il coniuge a casa, il richiedente può procedere alla richiesta del congedo Covid-19. A questo si aggiungono anche gli altri casi secondo cui il coniuge:

  1. È in maternità/paternità per un altro figlio;
  2. In ferie;
  3. In aspettativa non retribuita;
  4. Fruisce di ammortizzatori con sola riduzione di lavoro;
  5. È un lavoratore fragile;
  6. Fruisce delle Legge 104;
  7. Fruisce di un prolungamento del congedo parentale per un figlio disabile;
  8. Fruisce di un congedo straordinario per disabilità grave di un figlio;
  9. Ha una disabilità grave.

 

Quanto spetta con il congedo per Covid?

Il 50% della retribuzione per le giornate lavorative in congedo.

 

Come posso presentare la domanda?

I privati possono presentare domanda online tramite il sito dell’INPS, mentre i dipendenti pubblici devono inoltrare la domanda all’amministrazione di appartenenza.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'articolo di oggi, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare il tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





Tag

Covid-19CongedoCongedo Parentale

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di LAVORO