Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / 5 domande sulla gestione del TFR

5 domande sulla gestione del TFR

5 domande sulla gestione del TFR

Il TFR è una parte importante nel quadro economico di un lavoratore. Tant’è che ogni nuovo assunto è chiamato a decidere come gestire il proprio TFR, lasciandolo in azienda oppure conferendolo a qualche fondo pensione. Vediamo alcuni chiarimenti sul tema.



Come si effettua la scelta per il TFR?

La scelta va segnalata entro 6 mesi dall’assunzione. Qualora dopo 6 mesi non sia arrivata alcuna decisione da parte del lavoratore, allora subentra la regola del silenzio-assenso, ovvero il TFR viene conferito alla forma di previdenza complementare prevista dagli accordi o contratti collettivi, anche territoriali. Se esistono più fondi di riferimento, allora il TFR viene conferito verso quello a cui hanno aderito il maggior numero di lavoratori della medesima azienda. Qualora dovessero mancare fondi pensione di riferimento, il TFR viene conferito al fondo pensione costituito dall’INPS.

A chi si applica questa normativa?

Perlopiù alle aziende con almeno 50 dipendenti, senza distinzione di settore. Per le aziende con meno di 50 dipendenti, invece, il sistema resta quello da sempre in vigore, ovvero in mancanza di una segnalazione da parte del lavoratore, il TFR resta in azienda e viene gestito come già avveniva in passato.

Posso modificare il fondo a cui versare il TFR?

No, si tratta di una scelta non modificabile una volta che viene effettuata. L’unica scelta possibile, in caso di ripensamento, e se continuare a conferirlo nel fondo pensione o lasciarlo in azienda.

È possibile chiedere un anticipo sul TFR?

Sì è possibile ma solo dopo che siano trascorsi almeno 8 anni e soltanto per specifici motivi, quali la salute, l’acquisto della prima casa o una ristrutturazione, insieme ad altre necessità.

È vero che cambia la tassazione tra TFR in azienda e in un fondo pensione?

Sì è vero. Al momento della pensione, il TFR conferito in un fondo pensione gode di un’aliquota agevolata che è del 15% riducibile fino al 9%, contro il 23% del TFR lasciato in azienda.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.