Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / 4 domande su muri di cinta e muri di confine

4 domande su muri di cinta e muri di confine

4 domande su muri di cinta e muri di confine

Torniamo a parlare di muro di confine, alla luce delle continue richieste che ci arrivano da parte dei nostri utenti. Del resto, lo sappiamo, il tema è molto vasto e la confusione aumenta quando la legge non copre tutta la casistica possibile.



Anche per questo abbiamo realizzato un piccolo e-book che raccoglie una serie di casi con relative risposte ed argomentazioni. Ma procediamo e vediamo quali sono le situazioni affrontate nell’articolo di oggi.

Quando il muro si può intendere come comune?

Il muro divisorio che divide due diversi fondi, può dirsi comune nei seguenti casi:

  1. Quando sorge su un suolo che è comune a sua volta ad entrambi i proprietari;
  2. Quando divide delle proprietà che appartengono a più soggetti;
  3. Quando le proprietà divise hanno la medesima natura, ovvero due orti, due giardini, etc.;

Ciò non toglie che una delle due parti possa richiedere che gli sia riconosciuta l’esclusiva proprietà del muro.

Esistono dati oggettivi per accertare la proprietà esclusiva?

La proprietà esclusiva di un muro divisorio non è mai un processo semplice, eppure esistono quelli che potremmo definire degli indicatori, i quali possono aiutare a capire se si può ipotizzare una proprietà esclusiva del muro:

  1. La proprietà può essere riconosciuta verso il fondo su cui si presentano sporgenze, o cornicioni, mensole e altri elementi che si addentrano per oltre la metà dello spessore del muro;
  2. La proprietà può essere riconosciuta verso il fondo su cui insiste uno spiovente.

Che cos’è il muro di cinta?

Si tratta di un muro che emerge dal suolo e delimita una proprietà e che non abbia un’altezza superiore a 3 metri. Inoltre è richiesto che entrambe le facce del muro siano isolate rispetto alle altre costruzioni presenti sul fondo.

Come variano le regole sulle distanze nel caso di muro di contenimento?

Per quanto riguarda le distanze legali, il muro di contenimento non va considerato ai fini delle distanze legali soltanto fino al livello del fondo superiore, la parte del muro che si innalza oltre il piano del fondo sovrastante, invece, è soggetta alla disciplina delle distanze. Si parla di livelli in quanto il muro di contenimento, come si evince dal nome, serva a contenere a mo’ di un terrapieno.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.